Diamo a Buccinasco un’amministrazione finalmente efficiente e trasparente, capace di ascoltare.

Archivio per febbraio, 2013

Galleria

VERSO LA CONCLUSIONE L’ITER PER LA NUOVA CONVENZIONE CON LA MATERNA DON STEFANO BIANCHI

di Giambattista Maiorano ]

Tutto è bene quello che finisce bene. Dopo Nova Terra, arriva in porto la nuova convenzione con la materna don Stefano Bianchi.

La ragionevolezza alla fine si è imposta e la materna, con l’approvazione del Consiglio Comunale chiamato ad esprimersi nel merito della convenzione, potrà continuare a svolgere quella sua funzione pubblica senza la quale Buccinasco non sarebbe in grado di soddisfare l’intera richiesta del servizio come lo è stato in passato. Un servizio, il ciclo scolastico per l’infanzia vale la pena chiarirlo, che seppure non obbligatorio, riteniamo essenziale e di grande valenza sociale. (altro…)

Annunci

MAIORANO AI SINDACI DELLA ZONA: COMINCIAMO INSIEME A FARE LA CITTÀ METROPOLITANA

Sindaco MaioranoAI SINDACI DI CORSICO, CESANO BOSCONE, TREZZANO SUL NAVIGLIO, ASSAGO, CUSAGO

Gentili Colleghi,

l’esperienza di questi primi nove mesi da sindaco mi ha insegnato che le difficoltà dei nostri Comuni non sono poi così diverse dal resto di tutte le altre comunità locali. Per certi aspetti, anzi, la conurbazione e la contiguità dei nostri territori rendono più urgente il dovere di affrontare percorsi e ricercare soluzioni che in ogni caso saremmo costretti ad individuare a fronte dell’istituzionalizzazione della Città Metropolitana, che, seppur accantonata temporaneamente, resta il traguardo da tagliare con il 1° gennaio del 2014: soltanto poco più di dieci mesi.

Descrizione: https://pdbuccinasco.wordpress.com/wp-includes/js/tinymce/plugins/wordpress/img/trans.gif

Ciascuno di noi si confronta quotidianamente con termini quali efficacia, efficienza, economicità dell’azione amministrativa. Ciascuno di noi misura la propria capacità finanziaria confidando nella salvaguardia dei propri equilibri e nel rispetto del patto di stabilità. Ciascuno di noi verifica mese dopo mese, anno dopo anno come sempre più problematica stia diventando la possibilità di garantire alla propria comunità un decente standard di servizi sia in termini qualitativi che quantitativi.

Gli sforzi sono certamente notevoli e lodevoli. Ma la sola volontà non basta a rendere certa la prospettiva soprattutto se singolarmente dovessimo coltivare l’autosufficienza delle nostre autonomie e insieme rinunciare a fruire di positive sinergie che la gamma dei servizi erogati indubbiamente consiglia al fine di eliminare costi e conseguire risparmi che meglio potrebbero essere destinati.

Non mi permetto in questa fase farne un’esaustiva elencazione. Ne accenno soltanto ad un paio che mi sembrano più evidenti ed immediati da conseguire con vantaggi economici indiscutibili per ciascuno dei nostri enti e ricadute positive sull’intera popolazione.

Mi riferisco per esempio ad un nuovo modello di gestione delle forze di polizia locale e non soltanto all’auspicata convenzione per il pattugliamento notturno o alla semplice collaborazione tra i diversi corpi o allo scambio doveroso di informazioni tra essi. Nel caso si potrebbe convenire sulla realizzazione di un’unica centrale operativa in grado di convogliare al suo interno una banca dati complessiva, di fornire servizi analoghi ed in linea con le più moderne strumentazioni, di monitorare l’intero territorio garantendo il collegamento con le unità e gli equipaggi che lo presidiano. Non mi nascondo le problematiche organizzative che un nuovo assetto di tipo consortile comporta. Ma è evidente che se c’è una comune volontà politica si superano anche quelle difficoltà apparentemente insormontabili. Siamo, per altro, nel campo della sicurezza che credo ciascuno sperimenta come una delle richieste più fortemente presenti nella nostra popolazione.

Un secondo campo potrebbe essere un’efficace riorganizzazione dei nostri uffici del personale. Non si tratta di svuotamento dei servizi. Si tratta invece di razionalizzarne le funzioni e mettere a fattore comune quelle attività, come la gestione amministrativa delle posizioni e l’erogazione degli stipendi al personale e gli emolumenti agli amministratori. In sostanza un unico centro di costo anziché tanti quanto i comuni ferma restando la necessità del permanere di quelle funzioni di assistenza e consulenza presso i singoli enti.

Sono certo, cara collega e cari colleghi, che una disamina congiunta di queste problematiche non può non trovarci d’accordo al di là delle caratterizzazioni politiche di ciascuna delle nostre amministrazioni. La nostra funzione istituzionale ci impone il superamento delle etichette per il bene collettivo.

La discussione, proprio nella prospettiva della Città Metropolitana, non potrà che allargarsi all’uso dei nostri territori. Diverse infatti sono le nostre peculiarità che vanno però integrate nel quadro delle più ampie compatibilità ambientali e della valorizzazione del Parco Agricolo Sud Milano.

A Buccinasco abbiamo operato scelte urbanistiche che vanno nella direzione della salvaguardia e della non compromissione del nostro territorio, come compensazione più complessiva di quelli a noi confinanti riferita a quanto di urbanizzato ha determinato lo sviluppo nei precedenti decenni dei nostri Comuni. Lo riteniamo un bene da condividere e a disposizione di tutti.

Da ciò nasce l’inevitabile necessità di un maggiore e più efficace coordinamento sullo sviluppo razionale della rete di trasporti e delle infrastrutture a supporto.

Sono tanti gli argomenti che ne scaturiscono. Non per ultimo, anzi ne è premessa, l’ovvio dovere di impostare il lavoro su una chiara e trasparente piattaforma di assoluta legalità.

Auspico la massima adesione a questo invito che comunque intendo sviluppare con chiunque vorrà assecondarlo. Una volta raccolto il vostro consenso, diciamo nel giro di non oltre un mese dalla data della presente, potremo congiuntamente dar vita ad un incontro di approfondimento come inizio di un percorso che mi auguro veda tutti noi attori disponibili.

Mi è gradita l’occasione per porgere a ciascuno di Voi il mio ringraziamento, stima e cordialità.

Giambattista Maiorano

Sindaco di Buccinasco

Galleria

LEGGIAMO MEGLIO I NUMERI DEL PGT DI BUCCINASCO

foto-opportunita[ di Giambattista Maiorano ]

I presupposti da cui siamo partiti per realizzare il PGT di Buccinasco si condensano in alcuni punti fondamentali: il principio del non consumo di suolo; il contenimento delle volumetrie; il recupero della vocazione agricola dei borghi rurali; la conservazione degli standard; il rilancio e la valorizzazione delle caratteristiche ambientali di Buccinasco nel più ampio quadro della Città Metropolitana; il rifiuto della logica dell’utilizzo degli oneri di urbanizzazione per coprire i costi della parte corrente del bilancio. L’insieme di questi fattori ha costituito la struttura fondamentale del nostro PGT.

Questi principi di base ci hanno indotto a decidere che gli interventi previsti con il Piano fossero collocati laddove il tessuto urbano si presentava in qualche modo in stato di abbandono e spesso degradato, e dove erano presenti elementi e funzioni non più compatibili con il tessuto residenziale attuale. Zone, quindi, normalmente occupate da vecchie fabbriche, alcune delle quali, peraltro, con presenza di parti in amianto, che esigono necessari interventi di bonifica.

I poli di riqualificazione urbana e trasformazione su cui è stata posta la maggiore attenzione sono tre:

1) l’area prossima alle funzioni amministrative del Municipio, occupata in precedenza dalla ex Cabel, poi Triveneta Cavi;

2) l’area posta tra via Resistenza e piazza San Biagio, nei pressi del Dromokart;

3) l’area minore per dimensioni di via Friuli in prossimità della via Manzoni.

Su queste aree, la cui riqualificazione era già prevista nei precedenti tentativi di PGT, abbiamo ridotto l’indice di edificabilità da 1,8 a 1,5 e l’altezza da 6 a 5 piani (rispetto ai due piani antecedenti). La ragione della riduzione è la constatazione di una disponibilità, non proprio marginale, di patrimonio abitativo, prodotta, in particolare, dagli ultimi P.I. rilasciati. A questo si aggiunge la situazione economica generale: molte abitazioni restano invendute per mancanza di liquidità.

Lo sviluppo e la riqualificazione delle aree ha, di conseguenza, come obiettivo fondamentale non tanto la creazione di nuove offerte di residenza, quanto la produzione di ambiti urbani che favoriscano le relazioni, la socializzazione. Tra questi strategica è la creazione del “centro della città”, da realizzare nell’ambito più prossimo a piazza San Biagio. È una vita che ci sentiamo ripetere che Buccinasco manca di una precisa identità e che c’è il dovere di creare luoghi di riconoscimento stabili per i cittadini. È indispensabile la realizzazione di un centro che favorisca, attraverso l’inserimento di appropriate funzioni, la socializzazione, la costruzione di relazioni personali e di rapporti civici. Saranno i Piani attuativi che meglio disegneranno queste opportunità, dove anche il pubblico dovrà trovare la sua presenza come stimolo alle iniziative. Un masterplan, allegato in fase di approvazione del PGT, determinerà le linee fondamentali per ottenere veramente questo centro con spiccata vocazione relazionale.

Alcune considerazioni più squisitamente tecniche possono consentire di apprezzare meglio l’idea di città che abbiamo progettato e le procedure che vogliamo utilizzare per realizzarla.

Il più importante dato numerico che qualifica il nostro PGT è un cifra molto particolare, è uno 0 (zero), lo zero consumo di suolo. Applicando sulle aree di trasformazione un indice di edificabilità di 1,5 metri cubi su metro quadro, come indicato nelle Norme Tecniche di Attuazione, con un rapporto di occupazione del 50%, e una massima altezza di 5 piani, riusciamo addirittura a riportare il verde in aree in precedenza occupate dal cemento (circa 40.000 metri quadri). Riguardo al consumo di suolo il dato è quindi addirittura algebricamente negativo: – 40.000. A questo si aggiunge che nessuna delle aree verdi di proprietà del Comune viene toccata.

Sull’area inquinata di via della Resistenza e sull’area in precedenza occupata dal Seme Fiorito sono stati attribuiti degli indici di edificabilità che hanno l’obiettivo di favorirne la bonifica. Abbiamo voluto incentivare il recupero a verde di queste aree attribuendo una premialità (il 10% di volumi in più) a condizione che chi acquisterà i diritti di edificazione li trasferisca nelle aree di trasformazione.

Tra gli spazi attualmente verdi ce ne sono alcuni che appartengono a grandi proprietari che forse non hanno gradito la nostra decisione di non attribuire a quelle aree indici di edificabilità. Non è escluso che ritengano sia stato leso un loro diritto e intentino procedure legali contro il Comune. Ma qui, signori miei, si tratta di capire che in Europa l’Italia è il paese ridotto in termini peggiori riguardo al consumo di suolo, e per di più che in Italia la ragione che ha occupato più suolo di tutte è proprio la Lombardia. Di questi dati numerici, chi come noi ha il compito di governare la città in vista del bene comune ha la necessità, l’obbligo, il dovere, di tenere conto.

Gli indici di edificabilità attribuiti negli ambiti di trasformazione, se tutte le possibilità di attuazione si realizzeranno, daranno luogo a un incremento demografico contenuto, valutabile in circa 1.200-1.300 abitanti.

Per quanto riguarda il bisogno di casa dei meno abbienti, l’housing sociale, e le tecnologie costruttive che garantiscano una qualità superiore dell’edificio riguardo al risparmio energetico, il nostro PGT concede a chi sceglie queste soluzioni un premio del 15% di volumetria in più rispetto a quanto determinato con l’indice 1,5.

Abbiamo previsto che vengano mantenuti i 45 metri quadrati per abitante di aree standard. È più del doppio del limite consentito dalla regione Lombardia.

Riguardo al Piano delle regole, e quindi al tessuto urbano consolidato, abbiamo abbassato (rispetto ai precedenti PGT) da 5000 a 3000 metri quadri la quantità di slp, e quindi di cubatura, per la quale diventa necessario il passaggio in Consiglio comunale per l’approvazione degli interventi. È una costruzione di 2 piani con 3 o 4 appartamenti. Si tratta insomma di tenere d’occhio lo sviluppo della città.

Concludendo si deve dire che Buccinasco, a differenza di alcuni Comuni vicini, ha la fortuna di disporre di un patrimonio di superficie non urbanizzata che è metà del suo territorio, un’area dove natura e ambiente formano un unicum a ridosso della grande città. Se osserviamo il tasso di urbanizzazione di Corsico, l’87%, di Cesano, poco sotto al 70%, e di Trezzano sul Naviglio, anch’esso di notevoli proporzioni, si comprende perché può e deve essere assegnata a Buccinasco una vocazione di riequilibrio complessivo del rapporto fra città e campagna e la funzione di offrire alla città metropolitana i frutti della sua vocazione agricola.

Galleria

PGT: UN NUOVO PROGETTO SOCIALE PER BUCCINASCO

adozione_pgtIeri sera il Consiglio comunale ha votato per l’adozione del nuovo Piano di Governo del Territorio con 11 voti a favore, due astenuti e tre contrari. Un traguardo importante per l’Amministrazione Maiorano che in pochi mesi e quasi esclusivamente con le risorse interne ha lavorato per la realizzazione del nuovo strumento urbanistico che disegna il futuro della città per i prossimi anni.

Buccinasco (1 febbraio 2013) – Il principio del non consumo di suolo, il contenimento delle volumetrie, il recupero della vocazione agricola dei borghi rurali, la conservazione degli standard di verde, il rilancio e la valorizzazione delle caratteristiche ambientali di Buccinasco nel più ampio quadro della futura Città Metropolitana, la creazione di un centro cittadino.

Questi i punti fondamentali del nuovo Piano di Governo del Territorio, adottato ieri sera dal Consiglio comunale con 11 voti a favore due astenuti e tre contrari.

Un traguardo importante per l’Amministrazione Maiorano che in pochi mesi e quasi esclusivamente con le risorse interne ha lavorato per la realizzazione del nuovo strumento urbanistico che disegna il futuro della città per i prossimi anni. Un grande progetto sociale che coniuga l’attenzione all’ambiente, l’urbanistica sostenibile e un alto standard qualitativo.

Con la precisa volontà di creare le condizioni per la permanenza o l’arrivo di giovani coppie e fasce di popolazione meno fortunate, oltre alla realizzazione poli culturali e multifunzionali per rispondere al bisogno di socialità della città.

“Non siamo partiti da zero – ha sottolineato il sindaco Giambattista Maiorano – e abbiamo fatto tesoro delle precedenti esperienze, in particolare è rimasta comune la declinazione del principio di non consumo di suolo, che significa operare là dove la condizione urbanizzata si presenta spesso abbandonata e spesso degradata con elementi e funzioni oggi non più compatibili con il tessuto residenziale. Zone quindi normalmente occupate da vecchi opifici, alcuni per altro con presenza di parti di amianto, che esigono necessari interventi di bonifica, di riqualificazione e di trasformazioni”. Tre i poli maggiormente interessati: l’area in prossimità alle funzioni amministrative del municipio, occupata in precedenza dalla ex Cabel poi Triveneta Cavi, l’area posta tra via Resistenza e piazza San Biagio e l’area di via Friuli in prossimità della via Manzoni, di minore per dimensione.

“Rispetto al passato però – precisa il sindaco – vengono ridotti gli indici volumetrici e non è stata abbandonata l’idea di affiancare all’edilizia privata una consistente percentuale di edilizia convenzionata e di iniziative di social housing”.

Non saranno toccate le aree verdi di proprietà comunali e ne saranno acquisite di nuove come il laghetto di via Lario e la zona del fontanile Battiloca da offrire al Parco Sud per una loro tutela.

Vengono confermati inoltre i due corridoi ecologici a protezione e valorizzazione delle peculiarità del nostro territorio e per uno sviluppo che obbedisca ai canoni della sostenibilità dal punto di vista sociale ed ambientale.

“Tutto il disegno è mirato ad inserirsi in modo armonico nella logica di equilibrio della città metropolitana, – conclude il sindaco – Buccinasco, a differenza di alcuni comuni contermini, ha la fortuna di disporre di un patrimonio non urbanizzato per metà del suo territorio dove natura ed ambiente formano un unicum a ridosso della grande città”.

Ufficio stampa Comune di Buccinasco

Tag Cloud