Diamo a Buccinasco un’amministrazione finalmente efficiente e trasparente, capace di ascoltare.

Articoli con tag ‘Sindaco Buccinasco’

Galleria

RISERVATEZZA E SILENZI

[di Giambattista Maiorano]

Prendo spunto dalla recente visita della Guardia di Finanza nel palazzo comunale. Confermo anzitutto quanto ho avuto modo di commentare deludendo quelli che sono pronti a scommettere sui comportamenti dei così detti “politici” e sulla loro capacità di raggiro. Sono sereno e andremo avanti sulla linea impostata della trasparenza e della legalità, e la visita e il suo esito, il sequestro di un PC, non fanno altro che rafforzare questa volontà e offrire una nuova opportunità di perseguirla. Se ci sono delle ombre è bene che chi ha la potestà intervenga per fare chiarezza, condannare se trova riscontri, scagionare qualora il tutto dovesse rivelarsi infondato.

(altro…)

Galleria

BUCCINASCO HA UN NUOVO PGT

pgt_Buccinasco2013Ieri sera il Consiglio comunale ha approvato lo strumento urbanistico che traccia il disegno della nuova Buccinasco per i prossimi cinque anni, secondo il principio del non consumo di suolo, della tutela ambientale e della riqualificazione urbana. Il sindaco: “Un progetto condiviso che darà un nuovo volto a Buccinasco”

Buccinasco (12 luglio 2013) – Un applauso liberatorio del Consiglio comunale ha segnato la fine di una serata storica per Buccinasco, l’approvazione del Piano di governo del territorio che la città attende dal 2005: “Buccinasco può finalmente disporre di uno strumento urbanistico – ha detto il sindaco e assessore all’Urbanistica Giambattista Maiorano al termine della seduta – che ha mantenuto saldi alcuni principi fondamentali, come la tutela ambientale, il non consumo di suolo, la riqualificazione urbana e il contenimento delle volumetrie, oltre alla volontà di creare nuovi spazi di socializzazione per la nostra città. Mi pare che l’impianto sia stato condiviso, ringrazio tutti per il contributo”. (altro…)

Galleria

NUOVE OPPORTUNITÀ DI LAVORO PER PERSONE SVANTAGGIATE

oppurtunitaL’Amministrazione comunale ha deciso di promuovere il ricorso a cooperative sociali di tipo B per favorire percorsi di integrazione e inserimento lavorativo a favore di cittadini in situazione di disadattamento sociale ed emarginazione dal mercato del lavoro

Buccinasco (24 maggio 2013) – Offrire opportunità di integrazione per persone disoccupate o escluse dal lavoro perché in condizioni di svantaggio sociale, attraverso il ricorso alle cooperative sociali di tipo B. È quanto ha deciso l’Amministrazione comunale che intende attuare appieno i principi di promozione e integrazione sociale dell’articolo 45 della Costituzione italiana secondo cui la Repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità.

(altro…)

CITTA’ METROPOLITANA: INTERVISTA AL SINDACO

Galleria

UNA SCELTA PONDERATA

scelta ponderata[di Giambattista Maiorano]

Far finta di voltarsi dall’altra parte di fronte al vasto disagio che la “politica”, o meglio il comportamento dei politici, provoca è vivere fuori dalla realtà. Non c’è quindi da stupirsi del moto di antipolitica che si è affermato nel Paese. Lo registrano tutte le agenzie specializzate in sondaggi. Ce lo confermano non la percezione, ma il quotidiano sbattere la testa in trasmissioni del tutti contro tutti, le disinvolte giravolta di personaggi che credevamo inossidabilmente coerenti pur nella loro cocciuta chiusura, la comparsa di altri demiurghi e populisti, l’affermarsi di maghi e fattucchiere senza scrupoli, la pretesa di chi, sapendosi utilità marginale ed approfittando di un sistema elettorale la cui dignità è stata magistralmente definita dal suo stesso autore una “porcata”, intende rovesciare la logica che vuole che chi si afferma nelle urne, qualunque forza essa sia, ha il diritto/dovere di guidare il Paese.

La chiusura anticipata della legislatura ha confermato i sospetti: non c’era alcuna volontà di cambiare le regole per far tornare arbitro l’elettore. Anzi chi apertamente o subdolamente ha voluto contrastare qualsiasi riforma elettorale ha raggiunto l’esito sperato che era quello di gettare il Paese nel discredito e in una prospettiva di confusione e di ingovernabilità.

Non credo ci voglia un grande fantasia per individuare il massimo colpevole di questa situazione. Neppure credo utile un’approfondita ricerca di quanti, nella condizione data, ritengono di approfittarne. C’è qualcosa che unisce gli uni agli altri. I timorosi della possibile affermazione della coalizione guidata dal Partito Democratico, hanno scoperto il solito tormentone: niente po’ po’ di meno che il comunismo, nelle sue forme più autoritarie e stataliste con il ritorno della Russia di Stalin replicata nei panni di Pierluigi Bersani.

Ma, nel paese dei mille campanili e della rappresentazione permanentemente comica, il dibattito ha la necessità di abbeverarsi a fiumi dell’irrealtà nella speranza di inquinare i cervelli e le intelligenze delle persone, di tutti noi, facendo apparire oro ciò che oro non è affatto, e vere un sacco di frottole buone solo per gli allocchi.

Una considerazione spesso ripetuta, ma dalla quale spesso volutamente si sfugge, è quella che dimostra come l’ambito delle appartenenze si sia notevolmente ridotto. Basterebbe in questo leggersi i dati relativi agli iscritti ai partiti. Ciò realisticamente significa che nelle scelte ha sempre meno peso quella ideologica rispetto a una valutazione più pragmatica e di opinione. La scelta allora, più che determinata dai principi o supposti sacri principi ispiratori, è la conseguenza del giudizio sulla coerenza dei comportamenti delle persone, sui programmi, sulla capacità di progettare il futuro, sull’individuazione di percorsi che, senza bacchette magiche, siano in grado di introdurci in un futuro migliore dove i termini come equità, socialità, legalità riacquistino il loro valore. Significa inoltre capacità di entrare in  sintonia con l’opinione pubblica, il mondo del volontariato e del terzo settore, con l’espressione autentica della società civile facendo venir meno le barriere che taluni vorrebbero invalicabili con la politica.

Se tutto ciò contiene un qualcosa plausibile, non dico di verità, non è difficile individuare nel Partito Democratico l’unico soggetto politico che ha cercato di mettersi in discussione, anche faticosamente, ma con risultati che gli altri possono solo invidiare. Ha infatti scardinato e superato il “porcellum” attraverso il meccanismo delle primarie per i candidati deputati, lasciando scegliere agli elettori la gran parte sia dei parlamentari. È l’unico, e non smentibile, che è riuscito in virtù dell’acquisizione della logica pluralista, ad attrarre significativi pezzi di società civile e di volontariato nella consapevolezza che non potrà mai essere il proclama di una rinnovata lotta di classe, ma la capacità di sintesi tra i diversi mondi a creare le condizioni per un benessere più diffuso nell’equilibrio e nella solidarietà. È l’unico che con lucidità difende sino in fondo il rafforzarsi di una politica europea. È l’unico che manifesta apertamente il rifiuto dell’autosufficienza perché sa che, con le sue sole gambe, è impossibile cambiare in meglio questo nostro benedetto Paese. È l’unico che mi fa ancora credere e sperare in una chiara prospettiva bipolare da iscrivere nelle migliori tradizioni dei paesi europei.

Ci sarà chi vorrà accusarmi di cecità e di partigianeria e chi vorrà ancora rimproverarmi il mio essere cattolico in mezzo a tanti indifferenti se non addirittura anticlericali. Invito ciascuno a guardare in casa propria e a fare l’analisi di questi ultimi 20 anni. Invito ciascuno a valutare di come culturalmente i cattolici siano diventati inincidenti dopo le vicende di tangentopoli. Invito ciascuno a valutare come si siano spesso affidati, per un piatto di lenticchie, a uomini indegni, dimenticando che ancor prima delle prebende e dell’accumulo di potere c’è la testimonianza personale. Invito tutti ad accettare la sfida della complessità, a navigare in mare aperto, a spostare i paletti della tenda, a non aver paura del diverso, ad assumersi fino in fondo il coraggio delle scelte in coerenza al presupposto dell’autonomia e della responsabilità, principio teorizzato e proclamato dal Concilio, ma certamente non ancora assimilato. Invito tutti a rinunciare per sempre alla nostalgia di un’assurda unità nel partito unico, un disegno politico che sarebbe il tradimento dell’ispirazione sturziana.

Dico anche che l’esperienza lombarda con tutte le sue contraddizioni, certo salvaguardando gli aspetti in positivo che ha pur ha saputo esprimere, con l’incoerenza di un Roberto Formigoni giunto al massimo del ridicolo con l’apparente fermo contrasto alla Lega e con la vicenda Albertini, la stessa esperienza vissuta nella regione Lazio e, perché no, la decisione di un parlamentare europeo come Mario Mauro, non possono non farci riflettere e agire di conseguenza.

Per tutti infine, un invito ponderato a una scelta che avrà grande significato nella vita e nella concretezza del nostro quotidiano. Non è la frase di sempre. È la convinzione profonda che il nuovo non potrà che essere preceduto ed accompagnato da un serio cambio dello stile di vita e da un’etica che riporti in auge l’abusato termine del bene comune. Le ideologie muoiono, le idealità mai.

Galleria

SCUOLA MATERNA “STEFANO BIANCHI”: IL SINDACO, “LA SCELTA DELL’AMMINISTRAZIONE È L’EQUITÀ”

Il Comune ha avviato un percorso per redigere nuova convenzione per la scuola “Don Stefano Bianchi”: con i tagli, i mancati trasferimenti dallo Stato e la battaglia sul patto di stabilità, il contributo comunale deve essere rivisto, tenendo conto sia del ruolo storico e della funzione pubblica dell’asilo di Romano Banco sia del principio di equità per tutte le famiglie di Buccinasco. 

Buccinasco (20 novembre 2012) – Le cifre parlano chiaro e dimostrano il grande valore che la scuola materna “Don Stefano Bianchi” costituisce per Buccinasco e per l’Amministrazione che, nonostante le emergenze sociali cui far fronte, i tagli ai trasferimenti dello Stato (i trasferimenti nel 2015 saranno pari a 0), la battaglia per il patto di stabilità, non rinuncia ad elargire un contributo importante – tra i più alti in Lombardia – per una risorsa storica per il nostro territorio mai messa in discussione. Sono infondate, infatti, le ipotesi della possibile costruzione di un nuovo asilo comunale, che non è previsto né nel piano delle opere pubbliche né nel nuovo Pgt.

Da mesi l’Amministrazione ha avviato un percorso per redigere una nuova convenzione, che non nega il ruolo storico della materna, ma si muove nell’ottica dell’equità, come il sindaco Giambattista Maiorano ha spiegato sia ai componenti del consiglio d’amministrazione della scuola sia ai genitori incontrati la scorsa settimana.

Le cifre appunto: per fermarci al solo anno scolastico 2010/2011 sul bilancio del Comune il peso pro-capite sostenuto per bambino ha gravato per 1.672,72 euro per la materna don Stefano Bianchi e di 683,96 per i frequentanti le materne statali. La differenza non è di poco conto. È noto a tutti il percorso delle ipotesi formulate dal commissario prefettizio. La prima, con la drastica riduzione a 200 mila euro di contributo avrebbe fatto morire un’esperienza e chiudere definitivamente la scuola. La seconda, poi siglata come intesa transitoria per una anno dalla cooperativa che gestisce la materna, ha ridotto l’importo corrisposto per l’anno 2011/2012 da 552 mila euro a 470.960 euro.

“Per parte mia e del centrosinistra – chiarisce il sindaco – è stata richiamata la necessità di corresponsabilizzare le famiglie nella copertura della differenza di importo con l’introduzione di meccanismi riferiti alla capacità reddituale delle famiglie, così come fa l’Amministrazione per le scuole pubbliche: l’unico strumento nelle mani dell’Ente è quello di stabilire, sulla base dell’ISEE, le quote di partecipazione delle famiglie alla mensa”. Il sindaco ricorda anche che lo Stato, proprio per quanto attiene le materne, riesce a soddisfare solo il 40% dell’utenza potenziale così che la copertura della paritaria “Don Stefano Bianchi” è in parte massiccia a carico del Comune: “Se un difetto c’è, non può che essere individuato nell’ordinamento nazionale, ma fin quando la coperta copriva tutto, nulla ostava alla grande generosità. Ma ora che la coperta è corta, per certi versi molto corta, come spiegare ai nostri cittadini che si usa e si incrementa la fiscalità comunale gravando su tutti a prescindere dall’uso del servizio?”.

Proprio per questo la proposta di convenzione che l’Amministrazione sta studiando ripropone come tetto massimo di contributo i quasi 471 mila euro stabiliti per lo scorso anno. Con questo il Comune adotta un comportamento identico a quello della Regione Lombardia che nel BURL pubblicato il 5 novembre 2012, riguardo alla questione “Assegnazione dei contributi regionali a sostegno delle scuole d’infanzia non statali e non comunali per l’anno scolastico 2011/2012” afferma chiaramente che i contributi “sono definiti per ciascuna sede scolastica in relazione al numero di sezioni, con possibilità di adeguamento (positivo o negativo) proporzionale, in riferimento al rapporto tra domande pervenute e disponibilità di bilancio regionale”. Il buon amministratore del Comune ha il dovere e l’obbligo di valutare in modo serio e responsabile la “disponibilità di bilancio comunale”, perché dell’uso del denaro pubblico ne risponde all’intera cittadinanza, e non solo ad una parte.

Rispetto allo storico è previsto un taglio di circa 80 mila euro: questo tuttavia non porta al raddoppio della retta per le famiglie (è stato calcolato un aumento di circa 30 euro al mese).

“La scelta di un’Amministrazione – ribadisce Maiorano – non può che essere quella di muoversi con equità. E l’equità è anche quella di richiamare le famiglie degli utenti ad una corretta condivisione e partecipazione ai costi nella gestione della paritaria come succede in tutta Italia”.

Ufficio stampa Comune di Buccinasco

 

Galleria

LUNEDÌ 5 NOVEMBRE ASSEMBLEA PUBBLICA SUL PGT

Parti sociali, associazioni e cittadini sono chiamati nuovamente ad essere protagonisti del nuovo Piano di governo del territorio. Lunedì 5 novembre alle 18 in Aula consiliare si terrà la seconda conferenza di valutazione ambientale strategica (Vas) per le parti sociali. Sarà anche l’occasione per presentare il Documento di Piano.

Nelle scorse settimane l’Amministrazione ha recepito e valutato le numerose istanze presentate da cittadini e parti sociali: l’assemblea di lunedì prossimo sarà l’occasione per darne conto ed esporre ai cittadini la politica che sta guidando la redazione del nuovo disegno della città. Un’importante occasione di confronto e partecipazione a cui il Sindaco Giambattista Maiorano invita tutti i cittadini. Per costruire insieme una nuova Buccinasco.

Galleria

ANCHE BUCCINASCO AL CONVEGNO DI AVVISO PUBBLICO

Al via questa mattina a Padova la festa nazionale della rete di enti locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie. Per il nostro Comune partecipa Rosa Palone, presidente del Consiglio comunale con delega alla legalità: “Esserci e il fare sono gli strumenti utili per creare legalità organizzata”.

Buccinasco (25 ottobre 2012) – “Legalità organizzata. Scuole, imprese, associazioni, enti locali in rete… Prevenire e contrastare le mafie al tempo di crisi”. Questo il titolo della quarta edizione della festa nazionale di Avviso Pubblico, rete di enti locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie, a cui ha aderito anche il Comune di Buccinasco nel mese di settembre, con voto unanime espresso dal Consiglio comunale.

L’Amministrazione non poteva quindi mancare all’appuntamento di Padova che per tre giorni diventa la capitale della legalità, in cui amministratori locali, studenti, mondo delle imprese, organizzazioni di categoria e sindacali, associazioni forze dell’ordine e della magistratura, si confronteranno su come prevenire e contrastare le mafie al tempo della crisi. È la giovane presidente del Consiglio comunale Rosa Palone a rappresentare il Comune. A lei il sindaco Giambattista Maiorano ha affidato la delega alla legalità: “Il problema non sono le mafie, il problema siamo noi: sono le parole pronunciate da don Luigi Ciotti questa mattina al secondo incontro della festa – dichiara da Padova la presidente del Consiglio comunale – parole significative che dobbiamo fare proprie tutti noi”.

“Partecipare ad occasioni importanti come questa – aggiunge – è un segno necessario di discontinuità rispetto al recente passato di Buccinasco. ‘Esserci’ e il ‘fare’ sono gli strumenti utili per creare ‘legalità organizzata’. E creare legalità organizzata è la priorità per l’Amministrazione comunale di Buccinasco”.

In mattinata oggi si è svolto un incontro con don Luigi Ciotti, presidente di Libera (“Cittadini si diventa. Come e perché educarci alla responsabilità”), mentre nel pomeriggio si parla di sport come pratica della legalità con Damiano Tommasi, Alex Zanardi e Rossano Galtarossa. L’ultimo appuntamento di oggi, in serata, vedrà tra gli ospiti il procuratore aggiunto di Reggio Calabria Michele Prestipino ed Enzo Ciconte, storico della criminalità organizzata. Si rifletterà sul tema “Il contagio mafioso. Focus sulla ‘ndrangheta”.

Molti i temi caldi anche nella giornata di domani: dai “soldi sporchi” delle mafie che inquinano l’economia (se ne parla con Piero Grasso, procuratore nazionale antimafia) al gioco d’azzardo come business sino alla memoria e all’impegno, per ricordare Pio La Torre, Carlo Alberto Dalla Chiesa, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, quattro uomini lasciati soli. Sabato 27 ottobre l’attenzione si concentra al mattino sugli “amministratori sotto tiro” e “buona politica e intimidazioni mafiose”. Nel pomeriggio invece si torna a parlare di ‘ndrangheta con Francesco Forgione, ex presidente della Commissione parlamentare antimafia. La manifestazione si chiude sabato sera con lo spettacolo teatrale di e con Giuliano Turone “La diritta via. La Costituzione e Dante Alighieri senza distinzione di razza né lingua”.

Ufficio stampa Comune di Buccinasco

Galleria

LA CITTÀ SALUTA DON MAURIZIO BRAGA

Il Parroco Don Maurizio Braga con il Sindaco Giambattista Maiorano

Ieri mattina l’ingresso ufficiale del nuovo parroco di Maria Madre della Chiesa e Romano Banco. In piazza San Biagio il saluto del sindaco Giambattista Maiorano: “Don Maurizio, ben arrivato. Trova una città che ha voglia di riscatto. Una città seria, laboriosa, che non ha paura di guardare con fiducia e speranza al suo futuro, una città ricca di reti solidali e di un virtuoso associazionismo che guarda oltre l’orizzonte”.

Buccinasco (22 ottobre) – Tutta la comunità ad attenderlo in piazza San Biagio, la banda musicale, il gonfalone del Comune e la Polizia locale in alta uniforme. Insieme ai sacerdoti, al decano e alle più alte cariche cittadine: primo fra tutti il sindaco Giambattista Maiorano, in fascia tricolore ad accogliere, visibilmente emozionato, il nuovo parroco don Maurizio Braga arrivato in auto insieme ad alcuni fedeli della parrocchia dopo l’ingresso dalla porta della città.

Don Maurizio è stato chiamato dal vescovo, card. Angelo Scola a guidare le comunità di Maria Madre della Chiesa e Romano Banco: nato a Cuggiono, proviene dalla Comunità pastorale “Madonna di Lourdes” (parrocchie di Cascina Restelli, Cirimido, Limido Comasco e Lurago Marinone) che ha guidato come parroco dal 2008, dopo l’attività di decano ad Appiano Gentile. A lui toccherà il compito di raccogliere l’eredità di don Giovanni e don Silvano, guidando le due vivaci comunità parrocchiali di Buccinasco.

“Sono qui, siamo qui come Amministrazione – ha detto il primo cittadino – perché la realtà istituzionale che rappresento intende esprimere doverosamente il suo cordiale benvenuto a don Maurizio quale espressione autentica di una componente fondamentale nel contesto delle presenze che animano ed abitano questa città. Un’espressione rilevante e significativa che bene esprime la vivacità non solo culturale e di fede, ma l’impegno a fare del bene comune l’obiettivo della sua azione”.

Il sindaco ha ricordato come dopo la scuola, le parrocchie costituiscano la più importante agenzia educativa e formativa del territorio e siano protagoniste nel campo dell’azione sociale attraverso miriadi di iniziative e l’opera svolta dai numerosissimi volontari che fanno della gratuità la ragione del loro impegno ed in questo realizzano quel principio di sussidiarietà assurta non casualmente a rango costituzionale.

Maiorano però non ha nascosto le difficoltà di Buccinasco ma anche il desiderio e l’impegno dei cittadini: “Don Maurizio, ben arrivato. Trova una città che fa fatica a scrollarsi di dosso quel vestito macchiato che la presenza malavitosa di gruppi organizzati è riuscita da tre decenni a determinare e a farci assurgere tante volte al disonore delle cronache nazionali. Trova una città che non è esente da fenomeni corruttivi che hanno costretto Buccinasco alla vergogna e soggetta al controllo e all’intervento della magistratura causando la caduta di un’Amministrazione. Tutto ciò è vero e non possiamo nasconderlo a noi stessi. Tuttavia, Lei non trova una città rassegnata. Trova invece una città che ha voglia di riscatto. Trova una città laboriosa, seria, determinata ad uscirne con la fronte alta ed in piedi. Trova una città che desidera ritornare alla tranquillità nei suoi rapporti e che non ha paura di guardare con fiducia e speranza al suo futuro. Trova una città ricca di reti solidali e di un virtuoso associazionismo che guarda oltre l’orizzonte”.

Il sindaco ha quindi sottolineato come Amministrazione, Chiesa e società civile insieme debbano far rivivere quotidianamente la cultura della legalità “come espressione più propria a fondamento del nostro quotidiano per sconfiggere furbizia e arroganza”. L’Amministrazione ha fatto proprio questo percorso, ponendolo come premessa del suo programma: “Non spero, sono certo che tutti ci si vorrà impegnare. In particolare lo farà la Chiesa memore dell’assoluta adesione ad un progetto alto come ci ricorda il convegno di Palermo “Educare alla Legalità” e le tante, tantissime iniziative che proprio il mondo cattolico ha espresso e sa esprimere lasciando spesso sul campo i suoi martiri come un don Diana e don Puglisi o un laico come Livatino”.

“Il da fare non manca – ha concluso il sindaco – Auguri, buon lavoro e buon viaggio a Buccinasco, don Maurizio”.

 Ufficio stampa Comune di Buccinasco

Galleria

GIANNI MAIORANO E’ IL NUOVO SINDACO DI BUCCINASCO

Consulta i dati elettorali: http://www.comune.buccinasco.mi.it/

Galleria

VIDEO INTERVISTA A GIANNI MAIORANO A POCHE ORE DAL VOTO

Galleria

ASSICURARE A BUCCINASCO UN GOVERNO DEGNO

Care Elettrici, cari elettori di Buccinasco,
il voto del 6 e 7 maggio scorso ha dato il suo verdetto: il 20 e il 21 dobbiamo tornare alle urne per scegliere quali dei due candidati avrà l’onore e l’onere di rivestire la funzione di Sindaco della nostra città.
Sarò io? Sarà Serena Cortinovi? La scelta è rimessa esclusivamente alla Vostra valutazione.
Mi preme in questa circostanza fare anzitutto un appello: andiamo a votare e andiamoci tutti!
L’obiettivo è assicurare alla nostra Buccinasco un governo degno di questo nome, formato da persone serie e in grado, per capacità d’innovazione e competenza, di farci dimenticare rapidamente un periodo in cui siamo finiti sulle pagine dei giornali non per le tante risorse umane e naturali disponibili sul territorio, ma per le indagini della magistratura sulle ipotesi di corruzione che hanno travolto l’Amministrazione di Centrodestra guidata da Loris Cereda, e sulla diffusione nel territorio della ’ndrangheta.
Ma non bastano serietà ed esperienza, capacità e competenza. È indispensabile che questi requisiti si accompagnino, oltre alla passione per il bene comune, a un’indubbia qualità morale, un forte impegno ad affermare i principi di legalità e le buone pratiche di governo.
Tutto il mio impegno non può che essere rivolto a questo obiettivo poiché sono il primo a essere consapevole che una ripresa della fiducia nella politica e nelle istituzioni passa dalla credibilità di chi le rappresenta. Me lo chiede la mia coscienza, me lo chiedete voi, me lo chiedono comunque sia quelli che non mi hanno votato sia quelli che mi hanno votato al primo turno. Me lo chiede paradossalmente in modo più forte chi sfiduciato da tutto e da tutti ha preferito la via dell’astensionismo.
Sarò il Sindaco di tutti e non di una parte. Non rifiuterò il confronto né il dialogo con chicchessia. Accetterò e valuterò proposte da chiunque arrivino e le farò mie se si dimostreranno valide. Di fronte alla grave situazione che affligge il nostro paese è ora di abbandonare l’approccio ideologico e impostare realisticamente soluzioni adatte e praticabili. È questa la direzione che dovrà seguire l’intera Amministrazione e di cui mi faccio garante per assicurare a Buccinasco un “ritorno alla normalità” che in fondo è la vera aspirazione di tutti noi.
C’è molto da fare e dobbiamo farlo con il massimo del coinvolgimento e della condivisione pur nel rispetto dei ruoli.
A tutti chiedo fiducia. La chiedo sulla base delle competenze e delle esperienze che in anni di impegno politico serio ho acquisito. La chiedo sulla base della stima e dell’affidabilità che mi viene riconosciuta per i tanti anni di impegno nel mondo del volontariato come della pubblica amministrazione. La chiedo sulla base della profonda conoscenza che ho di questo nostro territorio. La chiedo perché voglio bene a questa città in cui abito da trent’anni e che voglio preservare da ogni tentativo di fare prevalere interessi personali.
La chiedo sapendo che la mia avversaria, persona pur stimabile, è esterna ed estranea a Buccinasco e alla sua storia, e che la sua candidatura è maturata non tanto perché convinti delle sue qualità, quanto per il fatto che il PDL locale non aveva volti “presentabili” se non soggetti che hanno già fatto vivere alla città esperienze estremamente negative e fallimentari.
Per tutte queste ragioni, credo valga la pena di darmi fiducia certi che la Vostra fiducia non sarà tradita da chi vive e opera in questo contesto da oltre trent’anni.
Giambattista Maiorano

Galleria

BUCCINASCO, VOLTA PAGINA! LA META E’ VICINA

di Giambattista Maiorano
Ho letto tanto, credo tutto, di quanto si è scritto in questo periodo elettorale. Dalle offese, alle insinuazioni malevole, dagli appartamenti regalati alle altre amenità del genere.
Meravigliarsi sarebbe stato da ingenui. Sorprendersi invece no. Mi ha sorpreso la finzione, la recita, il fatto di un’alterazione della realtà fondata sui propri desideri lasciati liberi oltre ogni limite di decenza e di capacità di intelligenza critica.
Ho assistito a un’insistente campagna denigratoria fatta da strani personaggi che però, pensate un po’ (c’è da meravigliarsi) durante il periodo delle primarie mi proponevano strategie per sfuggire a una trappola, a una presunta manovra a tenaglia programmata dai miei contendenti. Nonostante l’ombra del complotto evocata da questi apprendisti stregoni, ho vinto le primarie e ho cementato con una lavoro su programmi e progetti, la coesione della coalizione di Centrosinistra, affrontando con coraggio, determinazione e prudenza perfino temi spinosi come quello dell’asilo parrocchiale.
Poi si è finalmente votato e l’esito democratico ha voluto che rispetto ai miei più accreditati avversari (Cortiana e Cortinovi) io abbia preso un numero di preferenze che rappresentano poco meno della sommatoria dei due.
Con Serena Cortinovi me la vedrò domenica e lunedì prossimi al ballottaggio.
Tra coloro che il voto ha escluso dalla partita fa capolino la retorica del se.
“Se mio nonno avesse avuto le ruote, sarebbe stato un torpedone” dice una delle tante forme del vecchio detto popolare. E invece! Ho avuto proprio una grande fortuna. Mio nonno non aveva le ruote e, grazie a Dio, il trasporto di una vita non fu altro che la preoccupazione, tra gli stenti, di mandare avanti la sua famiglia tra la prima e la seconda guerra mondiale.
E rieccoci quindi al SE. Se i moderati fossero stati uniti … Se l’UDC non avesse preteso un suo candidato sindaco … Se Cortiana l’avessimo scoperto prima di stracciare intese già sottoscritte … Se Cortinovi avesse accettato la candidatura liberandosi da personaggi più che chiacchierati … Se, se, se. Appunto, se mio nonno …
Sì, però, se sarai eletto sindaco, sarai comunque l’espressione di una minoranza! … Questa è adesso la litania petulantemente recitata come a dimostrare che chiunque altro con i numeri ottenuti avrebbe potuto essere meno minoranza di me in barba a ogni regola che porta alla governabilità.
Sì, non fai apparentamenti, però si vocifera che sia in atto un’intesa con l’UDC. Chiariamo. Intanto né si è pensato né, nel chiuso delle stanze, si sono stretti apparentamenti con chi che sia.
Non ho forse sempre affermato che è necessario allargare il perimetro della mia alleanza che rifiuto vedere chiusa nella sua autosufficienza e costretta al delirio di onnipotenza? Dialogare, dialogare con tutti coloro che hanno le carte in regola per lavorare al bene comune di Buccinasco.
E Confermo la mia attenzione per tutte le liste che non hanno ricevuto l’accesso al Consiglio Comunale, Lega Nord compresa. Una volta Sindaco, inviterò tutti, opposizione ed esclusi, a una verifica delle proposte possibili per il bene della città. È una sfida dal sapore nuovo e affascinante. Lo è per me, che mi sento del tutto libero dal costruirmi piattaforme di future carriere politiche (ridicolo solo pensarlo alla mia età), lo è per tutti.
Buccinasco non è né sarà mia o della maggioranza. Ciascuno, partiti o liste civiche, contribuisca come può e come deve alla luce del sole nel rispetto dei ruoli democraticamente assegnati perché compito di tutti è recuperare il forte senso di disagio, di disaffezione, di rabbia che l’elevato tasso di astensionismo, le schede nulle, quelle bianche ci hanno consegnato per trasformarlo in fiducia nell’istituzione comunale e nelle istituzioni più in generale. E per farlo va usata ragionevolezza e non pregiudizio!
Vale se vinco e ce ne sono tutti i presupposti, ma vale anche se sciaguratamente perdo. Buccinasco ha voglia di ripartire, di un’alternativa credibile, come merita la sua gente!

Galleria

VOLTA PAGINA, BUCCINASCO

LE NOSTRE PRIORITA’, LE NOSTRE PROPOSTE (Guarda il volantino):

  1. LEGALITÀ: Garantire legalità e trasparenza nelle procedure amministrative, riformando lo Statuto del Comune e potenziando i sistemi di controllo e di partecipazione dei cittadini.
  2. TRASPORTI URBANI: Concertare con il Comune di Milano il potenziamento del trasporto pubblico. Definire una tariffa unica metropolitana. Migliorare la viabilità ciclabile per una mobilità sempre più “sostenibile”.
  3. GOVERNO DEL TERRITORIO: Realizzare il PGT nel rispetto dei criteri del non consumo di suolo e del saldo naturale. Garantire la vocazione agricola dei borghi rurali di Gudo Gambaredo e Buccinasco Castello con interventi di recupero dell’esistente.
  4. SCUOLE:  Adeguare alla normativa gli edifici delle scuole statali di Buccinasco. Sostenere economicamente l’attività didattica.
  5. ANZIANI: Creare un Punto Unico di Contatto (PUC), ripristinare il centro di Riabilitazione di Piazza Cavalieri V.V. Ampliare l’offerta del Centro Diurno Integrato di Via Lomellina.
  6. LAVORO E GIOVANI: Facilitare l’inserimento dei giovani nel mercato del lavoro. Migliorare l’offerta del Centro Giovani.
  7. SOSTENERE LA FAMIGLIA: Adeguare le tariffe e i costi dei servizi sociali alle reali possibilità economiche delle famiglie.
  8. BUCCINASCO PIÙ: Verificare e adeguare la convenzione tra Comune e costruttori. Definire rapidamente i termini della bonifica ambientale.
  9. ROBARELLO:  Attrezzare il prato situato dietro al Centro di via Mantegna, rivedendo gli obblighi della convenzione.
  10. LAVORI PUBBLICI: Garantire qualità ed efficienza nella manutenzione del verde e delle strade.

PER UNA BUCCINASCO SEMPRE PIÙ BELLA

PER UNA BUCCINASCO SEMPRE PIÙ VERDE

PER UNA BUCCINASCO SEMPRE PIÙ

PARTECIPATA

Domenica 20 e lunedì 21 maggio

VOTA MAIORANO

Galleria

CORTIANA SCRIVE AI CANDIDATI. MAIORANO RISPONDE

Nella giornata di ieri Fiorello Cortiana ha scritto una lettera aperta ai Candidati Sindaco al ballottaggio (Clicca QUI).

Ecco la risposta di Ganni Maiorano.

Caro Fiorello, permettimi due considerazioni preliminari in risposta alla tua.

 Cittadini – Nella mia concezione non esistono cittadini di serie A (consensi alle civiche) e di serie B (consensi ai partiti). Sono tutti cittadini con pari diritti e pari doveri e con assoluta pari dignità. Coloro che hanno ritenuto di esercitare il loro diritto/dovere di voto, ovunque abbiano indirizzata la loro preferenza, sono tutti indistintamente soggetti pensanti, tutti quanti, e non è vero che alcuni sono malati di bandiere e di “ideologie”. Ogni opinione è rispettabile se esercitata nei modi democraticamente previsti e costituzionalmente garantiti. Ritengo che tutti coloro che hanno votato lo abbiano fatto per il “bene comune” che non è esclusiva di una parte. Conservo una concezione alta di questo valore e la mia cultura di provenienza, il mio personale impegno di vita e di scelta civile lo stanno lì a testimoniare in maniera inequivocabile. Il pluralismo non è conciliabile con il pensiero unico fosse anche quello “liberale”.

Rappresentanza – Ciascuno di noi è spesso portato a fare il portavoce di chi non si esprime. Ciò induce equivoci e genera presunzioni di rappresentanza. Quale il criterio per stabilire chi tra me e te meglio potrebbe rappresentare quanti hanno preferito rifugiarsi nell’astensionismo, inserito nell’urna scheda bianca o una scheda risultata annullata? Come valutare l’astensionismo? Due possono essere le valutazioni realistiche, io credo entrambe valide.

Una nostra presa di responsabilità. Per tutti costoro l’offerta politica, compresa quella delle liste civiche, non è stata convincente. I partiti certo che DEVONO ripensarsi, trovare una strada più consona e tornare a capacità di proposte e a scelte chiare. Ho espresso le mie preoccupazioni in merito subito dopo la chiusura dei seggi. Spero non ti sia sfuggito, e che tu possa averle lette e condivise. Non mi sento responsabile solo verso il mio elettorato. Devo rispondere a tutta la cittadinanza.

Una loro presa di responsabilità. I numeri ci dicono che, ammesso e non concesso che la tua fosse una proposta nuova, sarebbe bastato ben poco, un piccolo sforzo, una piccola presa di responsabilità personale, per consentire alla tua proposta, a quella che tu valuti come un’importante novità, di proseguire una interassante avventura. Gli assenti, per me, hanno sempre e comunque torto.

Il futuro di Buccinasco – Riguardo al futuro di Buccinasco e alle importanti domande “programmatiche che poni” non possono certo essere le poche righe che seguono a garantire una risposta adeguata, ma soprattutto una risposta credibile. Avrebbero il sapore disgustoso della presa di posizione dell’ultima ora, inevitabilmente un blandire opportunistico e strumentale. Che ciò di cui parli ci sta molto a cuore lo testimoniano invece atti e documenti redatti in tempi non sospetti e pubblicati a partire dal settembre 2011. Sulla revisione dello Statuto comunale, a settembre, abbiamo perfino pubblicato un documento elaborato e  condiviso con alcuni di quelli che ti hanno sostenuto. È la storia personale e/o collettiva che può testimoniare e dare credibilità

È vero, ci sono molte ricchezze a Buccinasco. Le risorse umane, per quanto mi riguarda, non sono “tra”, ma sono la prima. Tu la chiami intelligenza sociale. Sono d’accordo. Ci siamo trovati d’accordo anche nei confronti avuti e non ho alcuna difficoltà a riconoscere analoghe sensibilità.

Entrambi abbiamo sostenuto la necessità di recuperare e ricostruire una “rete sociale”, una comunità, con le espressioni del ricco mondo associativo e di stabilire con esso un proficuo rapporto nella consapevolezza del ruolo promozionale dell’Amministrazione, lasciando a esso l’organizzazione della modalità organizzativa più efficace e garantendo però le opportune verifiche. Si attua così a me pare quel principio di sussidiarietà che riconosce l’autonoma capacità dei cittadini nell’autorganizzazione oggi più indispensabile che mai. Neppure il più incallito “statalista” pensa oggi che tutto è generato, cresciuto e sviluppato sotto l’egida del Municipio. È finita l’era dello Stato padre e madre dalla culla alla morte. Va costruita e diffusa l’era della responsabilità ed è questa l’idea che si traduce da un’attenta lettura del programma da me presentato.

Nel nostro lungo percorso programmatico sono state definite idee e progetti di identità urbana, dal “centro” di Buccinasco, a Gudo e Buccinasco Castello, alla valorizzazione della vocazione agricola del Parco Sud. Penso che il nostro destino non possa non giocarsi nella logica della città metropolitana, quella che tu alcune settimane dopo hai chiamato “Grande Milano”. Penso all’utilizzo delle fonti rinnovabili e alla qualità urbana piuttosto che all’uso esteso delle piattaforme digitali. Come penso alla trasparenza degli atti, alla loro formazione, alla partecipazione più diffusa e al concorso della cittadinanza senza cedere al populismo per non sfuggire alle responsabilità delle scelte che vengono consegnate e delegate a chi amministra. Penso alla riorganizzazione funzionale dell’apparato burocratico, come penso al rispetto della legge con riferimento all’indirizzo e alla gestione e alla coerenza tra l’uno e l’altro aspetto.

Ho citato come promemoria per me e per te alcune cose.

La lettura del vostro programma ha rafforzato in me la convinzione della crucialità di alcuni temi, e le diversità sia di accento sia di proposta che ho riscontrato potranno diventare ipotesi da valutare attentamente durante la discussione nel momento in cui verranno definiti progetti dei quali si dovrà verificare la sostenibilità tecnica, politica ed economica.

Penso infine e chiudo che tutti avremo bisogno di tutti, maggioranza e minoranza e voglio augurarmi che non si ripetano le scene del passato dove il pregiudizio oscurava pur validissimi motivi di condivisione che non avrebbero avuto alcun motivo di far gridare allo scandalo e all’inciucio. Vorrei vedere da chi sarà dall’altra parte proposte sensate e ragionevoli tali da dimostrarsi migliori e più percorribili di quelle mie e della maggioranza che andrà a sostenermi. Confermo in questo caso non solo considerazione e rispetto, ma la decisa volontà a riconoscerle e adottarle se convincenti.

C’è speranza e ho fiducia in una Comunità che voglia progredire rispettando tutti.

Giambattista Maiorano, Buccinasco 10 maggio 2012

Cloud dei tag