Diamo a Buccinasco un’amministrazione finalmente efficiente e trasparente, capace di ascoltare.

Archivio per giugno, 2012

Galleria

50esimo ANNIVERSARIO SCUOLA MATERNA PARROCCHIALE. IL SALUTO DELLE AUTORITA’

16 giugno 2012 – 50esimo Anniversario Scuola Materna Parrocchiale Don Stefano Bianchi.
Il saluto del Sindaco di Buccinasco Giambattista Maiorano e di Don Silvano

e il saluto di Francesca Arnaboldi, già Sindaco di Buccinasco.

 

Annunci
Galleria

I COSTI DELLA CAMPAGNA ELETTORALE PER GIANNI MAIORANO SINDACO

Con un po’ di ritardo, ma ci si arriva. Mi ero impegnato a fare la rendicontazione dei costi sostenuti nella campagna elettorale  che ha visto la mia affermazione a Sindaco di Buccinasco.

Tutta l’impostazione è stata data alla campagna è stata nel segno della massima sobrietà e contestualizzata al grave momento economico e sociale che l’intero Paese sta vivendo.  Ci siamo e ci sono riuscito. Sarebbe stato grave il contrario.

Il maggiore investimento l’ hanno sostenuto le suole delle scarpe a sopportare i continui spostamenti nelle vie, nelle piazze, nei mercati. Tornare a tratti tradizionali di comportamento non sarà stato proprio modernissimo, ma ha pagato in termini di relazione, di dialogo, di vicinanza con tanta gente comune ed il risultato finale è lì a dimostrarlo.

Alla coesione dimostrata sin dall’inizio di una campagna affatto facile, l’intera coalizione che mi ha sostenuto ha unito  l’entusiasmo e la voglia di farcela non potevamo mancare l’obiettivo. Ci abbiamo creduto e così è stato.

Ancora una volta, ringrazio di cuore tutte le persone che si sono unite in questa avventura, certo della consapevolezza che la parte più dura arriva adesso e che da adesso in poi dovremo tutti far tesoro dell’esperienza vissuta per continuare e condividere il nostro viaggio.

Tornando ai conti.

Il costo complessivo dell’intera campagna elettorale ammonta ad Euro  4.948,77 (quattromilanovecentoquarantotto/77)  così ripartito:

– Materiale di propaganda (manifesti e volantini) 3.165,54.=
– Palloncini      78,44.=
– Affitto sale per iniziative coalizione    304,00.=
– Contributo spese sede comitato elettorale    300,00.=
– Spedizioni postali    370,12.=
– Cancelleria (buste/etichette)   182,47.=
– Aperitivi/iniziative con musici/chiusura campagna    390,00.=
– SIAE    146,88.=
– Spese banca      11,32.=
—————-
 Totale   €   4.948,77.=

Ogni spesa è munita di apposita giustificativo,fattura o scontrino fiscale.

La copertura delle spese è frutto dei contributi pervenuti proporzionalmente dagli iscritti tramite le cinque liste che hanno sostenuto la candidatura, di contributi individuali di amici simpatizzanti, della partecipazione personale del candidato sindaco per € 900,00  e di € 259,25 raccolti direttamente nella feste  fatte all’aperto.

Anche per le entrate c’è, ovviamente riscontro di dettaglio.

Ancora un grazie a tutti di cuore!

Giambattista Maiorano
Sindaco di Buccinasco
Galleria

A PROPOSITO DI GESTIONE E MANUTENZIONE DEL VERDE

di Giambattista Maiorano –

Non dico nulla di nuovo nell’affermare che il “verde” a Buccinasco è una delle caratteristiche di cui i cittadini vanno orgogliosi e che gli abitanti della grande città ci invidiano. È tanto, è bello, è prezioso per l’ambiente e la salute, ma… Sì, c’è un ma che in molti, con messaggi in posta elettronica, commenti sul mio sito personale o fermandomi direttamente per strada, già dal primissimo giorno del mio mandato, mi recapitano con insistenza, come a lanciare un SOS. La lamentala e l’insoddisfazione sono sempre le medesime: poca cura e scarsa manutenzione dei nostri parchi, delle nostre aiuole, delle nostre siepi! Più di qualcuno mi ha invitato in questo o in quell’altro quartiere a verificare di persona, qualcun altro mi ha mostrato foto scattate sul telefonino. È chiaro che bisogna cambiare rotta, bisogna cambiare passo.

Da anni, gestione e manutenzione del verde hanno costituito per l’Amministrazione soprattutto e paradossalmente una grossa “grana”: contestazioni, ricorsi, contenziosi sollevati da operatori del settore hanno visto l’esclusione del Comune dalla partita e l’imposizione di un commissario ad acta che ha gestito il comparto.

Dopo un batti e ribatti, finalmente con l’ultima gara indetta dal commissario c’è stata l’assegnazione: ha vinto un operatore del territorio a cui è stata riconosciuta l’idoneità e la corrispondenza dei requisiti richiesti oltre all’offerta più favorevole. Tutto certamente sotto l’egida della legalità e quindi legittimamente assegnato con un contratto triennale.

La fine del tormentatissimo percorso legale della questione è un buon punto di partenza, ma non garantisce però di per se una buona manutenzione del verde. C’è bisogno di un costante esercizio di controllo e di verifica. Ho quindi prontamente chiesto all’assessore Samuele Venturini di approfondire e verificare puntualmente il capitolato d’appalto e gli obblighi contrattuali cha da esso discendono. Sulla base di questi elementi, e dell’accertamento di carenze eventualmente riscontrate dal controllo da esercitarsi con costanza da parte della struttura tecnica, l’Amministrazione interverrà presso l’azienda che ha ottenuto l’appalto richiamandola al rispetto di quanto pattuito e sottoscritto.

Se dovessero persistere inadempienze, ma mi auguro vivamente di no, non mi pare possano esserci strade alternative se non quella, nel caso estremo, di disdire il contratto in essere. Credo però che il buon senso e la disponibilità delle parti possono e devono produrre un esito favorevole per entrambi tale da scongiurare inutili e costosi contenziosi.

I cittadini hanno il diritto di sorvegliare e di verificare se i loro soldi vengono spesi correttamente. In questo modo contribuiscono a una buona gestione del Comune. Quindi ben vengano la loro sorveglianza e le “lamentele”, comunicazioni che io preferisco interpretare non come “lamentele” ma come informazioni che sono il risultato di una fattiva volontà di collaborazione per la costruzione del bene comune a Buccinasco.

Galleria

QUESTO E’ IL PAESE CHE VOGLIAMO…

Ieri sera, presso l’Aula Consiliare, si è svolto il primo Consiglio Comunale di Buccinasco dell’Amministrazione Maiorano. Riporto qui gli indirizzi generali di governo, gli obiettivi da conseguire. Perché questo è il paese che vogliamo: un paese con un’anima, pronto alle sfide di una società che cambia, sicuro, piacevole e attraente, vicino alle famiglie, equo, protagonista, ben amministrato. Un paese in cui vivere meglio.
 
Giambattista Maiorano
Sindaco di Buccinasco
 
LINEE PROGRAMMATICHE 2012-2017
 

Galleria

ROSA PALONE E’ IL NUOVO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Rosa Palone

Rosa Palone è il nuovo Presidente del Consiglio Comunale. Questo è il suo intervento di insediamento.

Grazie a tutti, grazie Sindaco, grazie colleghi consiglieri per aver votato la mia candidatura alla presidenza del Consiglio Comunale. Il Consiglio Comunale, con la sua funzione di indirizzo e di controllo, è tra gli organi più importanti della democrazia italiana e vi ringrazio per avermi dato l’onore di presiderlo qui nel comune in cui io abito e vivo, nel senso più alto del termine, Buccinasco.

Cercherò di interpretare, e ribadisco il termineinterpretare, al meglio questo ruolo consapevole delle difficoltà che però sono certa, tutti voi, mi aiuterete a superare. Cercherò di interpretare questo delicato ruolo nel rispetto delle diversità, o meglio delle molteplicità delle anime, che siedono in questa assemblea.

Diversità che, mi auguro, non diventeranno mai motivo di scontro fine a se stesso. Abbiamo l’obbligo morale, noi tutti colleghi consiglieri, di trasformare queste diversità, o molteplicità delle anime, in aggregazione, unità per farle divenire fonti di ricchezza finalizzate al bene comune, il bene di Buccinasco.

Concedetemi poi di ringraziare tutti i cittadini presenti in questa sala e anche quelli che ci stanno seguendo in streaming dalle proprie case. Spero che sarete così numerosi anche nei Consigli Comunali dei   prossimi cinque anni, saranno momenti belli ma anche difficili, noi siamo qui a rappresentare tutti voi, cari concittadini, ma abbiamo la necessità di non essere mai lasciati soli.

Abbiamo bisogno dei vostri consigli, dei vostri suggerimenti e anche, si, delle vostre critiche per poter governare bene Buccinasco. Abbiamo bisogno del vostro aiuto, proprio come avete fatto in  questi ultimi quattordici mesi di campagna elettorale, lunghissimi, stancanti ma al contempo bellissimi.

Fare Politica seriamente non significa solo prendersi la responsabilità di occuparsi del proprio paese ma significa riuscire a restituire questa stessa responsabilità ai cittadini, pochi ci riescono, noi abbiamo l’ambizione di provarci. Vogliamo far diventare questa responsabilità una corresponsabilità collettiva. Negli ultimi cinque anni, cari concittadini, io sono stata seduto proprio lì, dove ore sedete voi, tra il pubblico. Ero una semplice cittadina, referente territoriale  per un’associazione che si occupa di contrasto culturale alle mafie.

Poi ho deciso di candidarmi per impegnarmi in prima persona perché avevo capito che indignarsi non bastava più. Grazie a moltissimi di voi -che mi hanno votato e non solo perché sono giovane o donna, ma  per la credibilità della mia proposta politica, quella della mia lista civica e della coalizione tutta che mi supportava- ecco grazie a moltissimi di voi ora sono qui.

E fatemi chiudere l’intervento con l’augurio che, tra cinque anni, molti dei volti che vedo tra il pubblico possano sedere da questa parte, tra i banchi del Consiglio Comunale.

Auguro a tutti noi un Buon Lavoro.

Rosa Palone

Presidente Consiglio comunale
Buccinasco MI

Galleria

CONFERENZA STAMPA DEL SINDACO

Video della conferenza stampa del Sindaco di Buccinasco Giambattista Maiorano in occasione della presentazione della giunta (lunedì 4 giugno 2012)

Galleria

DONNE O NON DONNE, QUESTO È IL PROBLEMA

Care amiche e cari amici, immaginavo che all’annuncio della squadra di Giunta sarebbe seguito quel moto di critiche e vivaci proteste per l’esiguità della presenza femminile.

«Ma come, avevi detto… avevi affermato… ecco le solite promesse elettorali, la solita presa in giro. Il solito maschilismo che mette le donne fuori gioco…!»

Non voglio respingere le critiche, che tutto sommato sono fondate su principi condivisibili, anche se a volte un po’ astiose. Voglio però motivare la scelta e assumermene per intero la responsabilità.

Non ho cambiato opinione sul contributo femminile. Era mia intenzione, come è possibile leggere in un mio precedente articolo, orientare la mia scelta tenendo conto del fattore “pari opportunità”. Nello stesso articolo mi impegnavo a non seguire la logica della spartizione e a far prevalere merito, competenza, affidabilità, rappresentatività (un’esplicita indicazione di preferenzialità espressa sulle schede: la rappresentatività, appunto).

Aggiungevo per altro che in ogni caso le mie indicazioni dovevano essere necessariamente condivise dalla coalizione alle cui componenti ho chiesto non un nome, ma una rosa di nomi all’interno della quale liberamente avrei scelto. Non intendevo neppure nella fase finale disperdere lo spirito di squadra che ha caratterizzato tutto l’andamento della campagna elettorale.

Mi rincresce constatare che, al di là della applicazione della norma dello statuto, per quanto per esempio avvenuto nella definizione alternata nei generi della lista del Partito Democratico e non solo, le donne hanno occupato solo l’ultimo posto tra gli eletti in Consiglio Comunale. Se poi guardiamo nel campo avverso, neppure questo traguardo è stato raggiunto se Serena Cortinovi non fosse stata la candidata sindaco. Conclusione: su 16 consiglieri solo tre le donne, al di sotto del 20%. Il risultato si commenta da solo. Non basta una norma. Non basta l’auspicio di una legge a garantire un salto di qualità. Possiamo rammaricarci del ritardo culturale, lavorare ancora di più perché questo divario venga colmato, ma questo è un dato da non sottovalutare e da cui partire. Mi pare questa l’unica condizione per superare una logica, quella di una tutela imposta delle quote rosa, a cui giustamente le stesse donne non credono e altrettanto giustamente rifiutano. La donna non è paragonabile alla fauna o alla flora, non può essere confusa con una specie protetta in via di estinzione.

Non so se le spiegazioni servano a lenire il disappunto che si è levato. Credo siano plausibili e condivisibili e comunque, ripeto, me ne assumo per intero la responsabilità. Le scelte fatte le ritengo tutte di spessore. Se così non dovessero manifestarsi, non potrei che prendere atto con umiltà dell’errore di valutazione e cambiare in itinere aggiustando il tiro. Le deleghe si conferiscono e si possono togliere, ma è il campo a dovermelo suggerire. E se sarà il caso non ho alcun dubbio che eserciterò fino in fondo quanto la legge responsabilmente mette sulle spalle di un Sindaco.

Giambattista Maiorano

Sindaco di Buccinasco

Tag Cloud