Diamo a Buccinasco un’amministrazione finalmente efficiente e trasparente, capace di ascoltare.

Archivio per la categoria ‘BUCCINASCO SCUOLA’

Galleria

PREVENZIONE INCENDI E IMPIANTO IDRICO: FINALMENTE ARRIVA L’ADEGUAMENTO ANCHE PER LA SCUOLA DI PRIMO MAGGIO

Continua lo sforzo dell’Amministrazione per rendere le scuole di Buccinasco più sicure: ora tocca alla scuola primaria “1° Maggio” che aspetta dal 2008 un intervento di adeguamento alle norme anti incendio e potrà contare anche su opere di manutenzione straordinaria all’impianto idrico.

Buccinasco (16 novembre 2012) – Misure ipotizzate ma mai realizzate: è ora di recuperare il tempo perduto e intervenire per rendere le scuole più sicure per gli studenti di Buccinasco. Proprio per questo la Giunta ha previsto, per l’anno 2013, di destinare il massimo della spesa possibile per la sicurezza e la manutenzione delle scuole, compiendo uno sforzo notevole, soprattutto in un momento così difficile per gli Enti locali, su cui continuano a pesare i tagli ai finanziamenti da parte dello Stato.

Dopo alcuni interventi in altre strutture (effettuati la scorsa estate), ora tocca alla scuola primaria di via 1° maggio: già nel 2008 l’Amministrazione precedente aveva approvato uno studio di fattibilità relativo all’adeguamento normativo degli edifici comunali con particolare riguardo alla prevenzione incendi. In seguito sono state effettuate alcune opere, ma mancano le certificazioni: l’Amministrazione Maiorano si impegna dunque ad ottenere il certificato di prevenzione incendi per il plesso scolastico, entro l’anno 2012. E soprattutto ha disposto una spesa di 8.300 euro per consentire le opere di manutenzione straordinaria all’impianto idrico del plesso scolastico.

“Non ci stancheremo di ripeterlo – ha  dichiarato l’assessore ai Lavori pubblici Rino Pruiti – la sicurezza delle scuole è una nostra priorità, per questo stiamo facendo tutti gli sforzi possibili per destinare a questo capitolo tutti i fondi necessari, anche perché dobbiamo recuperare il tempo perso dall’Amministrazione precedente e dal commissario prefettizio”.

Ufficio stampa Comune di Buccinasco

Galleria

INCIDENTE NELLA SCUOLA DI VIA MASCHERPA

Buccinasco (6 novembre 2012) – Nel primo pomeriggio di oggi si è verificato un incidente nella scuola primaria Mascherpa: mentre due bambine di dieci anni si trovavano in bagno, la parte superiore di un calorifero (un radiatore tubolare verticale dal quale si è staccato uno dei ganci nella parte superiore) è scivolato sulle bambine, che sono poi state subito portate all’ospedale San Paolo di Milano per i controlli del caso. Sul posto sono intervenuti gli agenti della Polizia locale e i colleghi dell’Ufficio tecnico che hanno fatto un sopralluogo anche in tutto il resto della struttura verificando che tutti gli altri caloriferi fossero in sicurezza. Del resto da parte della scuola non è arrivata alcuna segnalazionedi problemi e la scorsa estate la stessa struttura è stata oggetto di manutenzione straordinaria da parte del Comune.

Proprio in questi minuti il sindaco Giambattista Maiorano si trova all’ospedale San Paolo: “Sono con le bambine in ospedale e per fortuna ho verificato che non hanno nulla di grave come mi ha confermato la pediatra – spiega il sindaco – solo una delle due ha una piccola escoriazione sulla fronte, per il resto sono ancora spaventate ma credo che già domani rientreranno a scuola“.

Ancora non si conosce esattamente la dinamica dell’incidente, il sindaco attende la relazione dell’Ufficio tecnico e della Polizia locale per poi decidere come intervenire: “Le nostre scuole non presentano problemi strutturali – assicura comunque Maiorano – e proprio la Mascherpa in estate è stata oggetto di manutenzione”.

“La Giunta per il 2013 ha deliberato di prevedere a bilancio il massimo della spesa possibile per la sicurezza e la manutenzione delle scuole”, aggiunge l’assessore ai Lavori pubblici Rino Pruiti.

Galleria

INAUGURATO IL NUOVO GIARDINO DEI PICCOLI

Il sindaco Giambattista Maiorano sabato 27 ottobre ha inaugurato l’asilo nido di Robarello. Un traguardo importante per tutta la città e le famiglie a cui hanno contribuito tre Amministrazioni che negli anni hanno lavorato per la sua realizzazione.

Buccinasco (29 ottobre 2012) – “Tocca a me tagliare il nastro e inaugurare il nuovo nido ma i meriti non sono solo della mia Amministrazione”. Così il sindaco Giambattista Maiorano ha esordito sabato mattina, in occasione dell’inaugurazione ufficiale della struttura di via Privata Mulino 1 che già dagli inizi di settembre ospita i piccoli che frequentano l’asilo nido “Il Giardino dei Piccoli”. Il primo cittadino, con onestà, ha riconosciuto l’impegno di chi lo ha preceduto per portare avanti un progetto importante per le famiglie di Buccinasco. Perché i loro piccoli possano vivere con serenità e in spazi adeguati. “C’è chi lo ha pensato – ha aggiunto il sindaco – chi ha dato l’avvio ai lavoro e chi lo ha completato”.

La struttura d’altra parte si presta anche ad altri usi. Il piano interrato, molto ampio, in futuro potrà essere destinato alle associazioni del territorio, in modo che trovino qui spazio per lo svolgimento delle loro attività. Occorre però trovare i fondi per la sistemazione dei locali. 

Per consentire l’apertura nel mese di settembre, con l’avvio dell’anno scolastico, i lavori per il nido sono stati ultimati la scorsa estate. Con un investimento di circa un milione di euro (in parte finanziato dalla Regione) è stata recuperata la vecchia scuola elementare, dotata ora di impianti di ultima generazione che consentono riscaldamento e raffrescamento adatti ai bambini, un nuovo tetto, una caldaia più moderna. Ampi gli spazi per i bambini, con le aule per la psicomotricità, per la nanna, per il gioco, per le attività didattiche e per la pappa, oltre ai locali destinati alle educatrici e al personale di supporto. La struttura è all’avanguardia anche per l’attenzione all’ambiente e al risparmio energetico: lo dimostrano il cappotto realizzato attorno all’edificio, i serramenti a taglio termico, i vetri a basso emissivo, il soffitto radiante.

Le famiglie e i cittadini presenti hanno potuto visitare la struttura dopo il taglio del nastro e l’intervento non solo del sindaco ma anche delle educatrici del nido che hanno ripercorso le tappe del loro lavoro (fin dalla nascita del nido nell’anno 2000) e i principi educativi che le guidano. A partire dalla considerazione del bambino come unico e irripetibile e dalla priorità fondamentale di costruire una relazione affettiva con ogni bambino e la sua famiglia. 

Ufficio stampa Comune di Buccinasco

Galleria

UN NUOVO NIDO PER BUCCINASCO – INAUGURAZIONE SABATO 27 OTTOBRE

Un nuovo nido per Buccinasco – Sabato 27 ottobre (ore 10.15) sarà inaugurata la nuova struttura in via Privata Mulino 1 che ospita “Il Giardino dei Piccoli”. Un investimento di circa un milione di euro per recuperare la vecchia scuola elementare, dotandola di impianti di ultima generazione ed offrire ai più piccoli spazi ampi e adeguati alle loro esigenze.

Buccinasco (19 ottobre 2012) – Non solo tagli, non solo rinunce. Buccinasco ha il diritto e il dovere di costruire il futuro per i suoi cittadini, pensando in particolare ai più piccoli e ai bisogni delle famiglie. Ed ecco per loro e per tutta la città finalmente una buona notizia, con l’inaugurazione ufficiale del nuovo nido di Robarello, un nuovo Giardino dei Piccoli (già in funzione dai primi di settembre).

La nuova struttura in via Privata Mulino al civico 1 sarà inaugurata ufficialmente nella mattinata di sabato 27 ottobre dal sindaco Giambattista Maiorano insieme alle educatrici che ogni giorno si prendono cura dei piccoli delle tre sezioni Tulipani, Girasoli e Margherite.

Dopo il saluto delle autorità e la benedizione del parroco, è previsto il lancio dei palloncini con i bambini e il taglio del nastro. Le educatrici accompagneranno poi i cittadini all’interno della struttura per una visita guidata e ci sarà la proiezione di un filmato sulle linee educative, oltre ad una mostra fotografica (durante tutta la manifestazione non mancherà anche l’animazione per i più piccoli).

La giornata di inaugurazione sarà quindi l’occasione per incontrare genitori e bambini del nido e delle altre scuole: la sistemazione delle strutture scolastiche è infatti una delle priorità di questa Amministrazione per garantire ai bambini, alle famiglie e alle insegnanti di poter affrontare con serenità l’impegno educativo di ogni giorno.

La storia del Giardino dei Piccoli nasce nel 2000 quando a Buccinasco viene aperto il terzo nido in via Privata Mulino 22, in una struttura che però presentava molti limiti.

I lavori sono terminati prima dell’estate e hanno comportato un investimento da parte dell’Amministrazione comunale di circa un milione di euro. È stata ristrutturata la vecchia scuola elementare ormai vuota, dotandola di impianti di ultima generazione che consentono riscaldamento e raffrescamento adatti ai bambini. Anche dal punto di vista ecologico, la struttura è all’avanguardia, grazie al cappotto attorno al fabbricato, i serramenti a taglio termico e i vetri a basso emissivo, il soffitto radiante. Rifatto anche il tetto e sostituita la caldaia.

Spazi più ampi, colori adatti ai bambini, arredi adeguati hanno permesso alle educatrici di creare ambienti che rispondano al meglio alle esigenze dei piccoli e consentano di proporre attività in grado di sviluppare le capacità cognitive, motorie e verbali dei bambini.

La nuova disposizione interna è tutta a misura di bambino, con le aule per le tre sezioni, lo spazio per la psicomotricità, il gioco, il pranzo. Altri locali sono destinati alle educatrici e al personale di supporto. Un altro fiore all’occhiello della struttura è l’ampio giardino interno, dove la scorsa estate l’Amministrazione ha sistemato molti giochi e arredi adatti ai piccoli. Il presente e il futuro di Buccinasco. 

Ufficio stampa Comune di Buccinasco

Galleria

50esimo ANNIVERSARIO SCUOLA MATERNA PARROCCHIALE. IL SALUTO DELLE AUTORITA’

16 giugno 2012 – 50esimo Anniversario Scuola Materna Parrocchiale Don Stefano Bianchi.
Il saluto del Sindaco di Buccinasco Giambattista Maiorano e di Don Silvano

e il saluto di Francesca Arnaboldi, già Sindaco di Buccinasco.

 

Galleria

BASTA DISINFORMAZIONE SULLA SCUOLA MATERNA “PARROCCHIALE”

di Gianni Maiorano
Che cosa io pensi a proposito della Scuola Materna sedicente “parrocchiale” e quali siano i passi necessari per ristabilire un corretto e proficuo rapporto con l’istituzione Comune è perfettamente descritto nel volantino distribuito in città con l’adesione di tutte le forze politiche che appoggiano la mia candidatura a Sindaco.
A quanto già dichiarato c’è veramente poco da aggiungere se non qualche breve riflessione a seguito della piccata risposta a firma del Consiglio di Amministrazione della Materna stessa (Clicca QUI), risposta che si definisce informativa mentre è invece un esempio di disinformazione.

Il fatto è che il volantino del Centrosinistra (Clicca QUI) ha colpito il bersaglio: nessuna demagogia, nessuna pregiudiziale ideologica, ma anche nessuna promessa elettorale. Forse il Consiglio della scuola si aspettava altro. Forse si aspettava la guerra, cioè che non fosse riconosciuta la funzione pubblica e l’utilità sociale del servizio, forse si attendeva una specie di sconfessione del concetto di sussidiarietà, forse sperava in un applauso incondizionato al Commissario Francesca Iacontini… E invece no.
Non hanno capito i nostri amici che il mondo è parecchio cambiato. Sono rimasti all’alba del 1999 dal punto di vista giuridico, anno a partire dal quale nelle convenzioni è obbligatorio mettere data di inizio e fine (ce lo ricordano loro stessi). Sono anche rimasti al 2006/2007 dal punto di vista politico, come se da allora ad oggi, nel frattempo, niente fosse accaduto.

Già, proprio il 2006! Si cita il protocollo d’intesa di sei anni fa con l’allora amministrazione di Centrosinistra, ma si dimentica che anche in quella circostanza fu promossa una raccolta di firme proclamando ai quattro venti menzogne del tipo “Vogliono farci chiudere, ci vogliono togliere i contributi”. E la storia ripete lo stesso copione oggi, nella successiva occasione elettorale.
La proposta formulata allora dal Centrosinistra era seria e interessante (e lo sapete bene, e c’è pure tra voi chi lo pensa e chi lo dice pubblicamente); prevedeva la storicizzazione dei costi medi pro capite sopportati dal Comune, il riconoscimento dell’incremento ISTAT anno per anno e l’impegno a coprire parzialmente le eventuali esigenze di manutenzione. Rifiutava ovviamente la logica del conguaglio a carico dell’Amministrazione in caso di mancanti contributi di Stato e Regione, una correzione semplicemente doverosa. Ma l’obbiettivo allora (è così anche oggi?) non era certo raggiungere un ragionevole accordo e perciò avanti con un conflitto dove politica e religione si mescolano e si confondo proprio come nei fondamentalismi di ogni tipo.

Scuola materna “parrocchiale”? No, non è vero. Niente a che fare con un’entità ecclesiastica e quindi soggetta all’indispensabile controllo dell’ufficio legale della diocesi di appartenenza. Nel 2006 l’Amministrazione di Centrosinistra si rivolse esattamente alla diocesi per venire a capo di quell’aggettivo “parrocchiale”, che stando così le cose era ingiustificabile, e per offrire un arbitro più che favorevole con cui discutere la convenzione. L’iniziativa di dialogare e concordare con la diocesi fallì miseramente perché un bel mattino quattro soggetti, dei quali a me sono noti nomi e cognomi, si recarono in piazza Fontana al palazzo arcivescovile rifiutando qualsiasi intervento dell’ufficio legale (chissà perché vi domanderete voi cittadini di Buccinasco…) rivendicando invece l’autonomia gestionale.

L’ultima annotazione è relativa alla mia firma sui bilanci (due, essendo stato assente all’approvazione del secondo) nei tre anni durante i quali sono stato membro del Comitato Tecnico. Perché non avrei dovuto firmare al di là delle obiezioni di forma e di sostanza sempre sollevate? Sì, perché di obiezioni ne ho sollevate parecchie, ma verbalmente, il che significa in buona fede e avendo fiducia nelle persone a cui mi rivolgevo. Mi accorgo oggi, invece, che avrei dovuto mettere tutto per iscritto in lettera raccomandata con ricevuta di ritorno. Comunque voglio semplicemente ricordare che è norma, è prassi, è consuetudine che le regole si rispettino anche quando non sono condivise. Fintanto che le regole, nel nostro caso la convenzione, non sono modificate valgono. Questo è per me  rispetto delle regole e quindi si firma.

Potrei continuare e togliermi qualche altro sassolino dalle scarpe per respingere alcune volgari insinuazioni delle Vanna “Marchi” di Buccinasco, ma credo non interessi a nessuno.

Torniamo quindi alle cose importanti. Qualora dovessi diventare Sindaco l’impegno è trovare la soluzione più idonea e meno onerosa all’interno di una situazione di bilancio che non sarà facile gestire. E questo nell’interesse delle famiglie legittimamente preoccupate, ma anche dell’intera comunità cittadina, al di là delle urla e degli strepiti di coloro che hanno voluto adottare la peggiore delle strategie: la propaganda elettorale. Si dice «Non volendo entrare in alcun modo nella disputa elettorale…» (Excusatio non petita…?!), ma di fatto i tempi e i modi con cui oggi è stato posto il problema manifestano in modo smaccato e clamoroso proprio la precisa e determinatissima volontà di entrare nella disputa elettorale.

Galleria

SCUOLA MATERNA “PARROCCHIALE”: EQUITÀ E TRASPARENZA

Cliccare sull'immagine per scaricare il Volantino

di Giambattista Maiorano

Il Commissario di Governo ha annullato la convenzione del 1983 e drasticamente ridotto il contributo di soldi pubblici da oltre 550.000 euro/anno a 200.000. Il Comitato Genitori definisce la decisione un grave atto discriminatorio dell’Amministrazione Comunale verso le famiglie che frequentano la Scuola Materna “Parrocchiale” e organizza banchetti per la raccolta firme.

Bisogna ricordare, però, che questo è anche il risultato di una scarsa collaborazione da parte dei responsabili della gestione della Materna. Sei anni fa hanno impedito ogni tentativo di modificare e aggiornare la convezione, tentativo che aveva lo scopo di renderla legalmente valida ed economicamente più equa.

È fuori discussione il nostro giudizio positivo sulla funzione pubblica e sussidiaria storicamente svolta dalla Materna. È fuori discussione che il taglio operato dal Commissario è molto pesante. Ma fare del problema l’argomento di una guerra elettorale è da irresponsabili. Chiedere impegni preventivi senza conoscere le reali poste di bilancio è da irresponsabili.

COSA FARÒ SE DIVENTERÒ SINDACO DI BUCCINASCO?

  • Rifiuterò le posizioni ideologiche sia di chi vuole che nulla cambi sia di chi non riconosce la funzione “pubblica” che svolge la Scuola Materna.
  • Renderò la convenzione giuridicamente ineccepibile.
  • Aprirò un tavolo negoziale per riconsiderare le scelte del Commissario, perché sia garantito ai bambini iscritti e residenti a Buccinasco un contributo definito sulla base delle capacità di reddito della famiglia e compatibilmente con la situazione del bilancio comunale.
  • Chiederò che sia reso chiaro, dettagliato al centesimo, e quindi trasparente per tutti i Cittadini il Bilancio della Scuola Materna. Tutti devono sapere come viene speso il denaro del contribuente.

Lavorerò, anche in collaborazione con i Comuni vicini, perché possa essere ampliata l’offerta pubblica e garantita l’esigenza delle frequenza al maggior numero di bambini possibile.

Cloud dei tag