Diamo a Buccinasco un’amministrazione finalmente efficiente e trasparente, capace di ascoltare.

di Giambattista Maiorano – 

“Non ti curar di lor, ma guarda e passa”. Lo diceva il poeta. Non senza qualche imbarazzo, vista la mia poca autorevolezza di fronte al sommo, voglio con forza riproporre l’affermazione. Lo faccio dopo un periodo di duro lavoro ed a seguito di tre eventi che rappresentano tre obiettivi pienamente raggiunti dalla mia amministrazione: l’approvazione del Piano di Governo del Territorio, l’aggiudicazione ad AMSA di Milano della gara sulla raccolta rifiuti e l’aggiudicazione all’associazione Poeti Erranti della gara per la gestione amministrativa ed operativa della Civica Scuola di Musica.

C’è chi da tempo si diverte a fare il tiro al piccione non con simpatiche sparate a salve, ma con cannonate che soltanto una mente prevedibilmente oscurata dalla sindrome dell’assoluto e sfregiata da qualche seria patologia senile è in grado di realizzare. Non sono un medico e quindi non posso che fare congetture e ipotesi di scuola e come tali tutte discutibili e da verificare.

Nel merito del PGT si è arrivati ad immaginare incontri segreti e scambi di favori. Non si è detto, ma lo si è fatto intuire, percorrendo anche sentieri poco nobili e dal sapore n’dranghettista con mazzette sotto banco e tintinnio di monete. Ebbene il PGT, lo dico con orgoglio, ha avuto un percorso assolutamente lineare, ha mantenuto dall’inizio alla fine i suoi fondamentali, ha registrato la più ampia possibilità di verifica e di consultazione, è stato legittimamente osservato (ben 49 osservazioni giunte nei termini e 2 due fuori termine), è stato contro dedotto con motivazioni leggibili da chiunque, non hanno sofferto condizionamenti di sorta. La cosa più interessante, più spiacevole probabilmente per tanta fervida mente di cui forse neppure se ne è accorto, è che nella fase di approvazione oltre il 95% delle controdeduzioni sulle osservazioni presentate, comprese le due giunte fuori termine, sono state votate all’unanimità dal Consiglio Comunale. Non sarà mica il caso di indagare se il Sindaco e la maggioranza abbiano furbescamente e da pervertiti raggirato i consiglieri di minoranza presenti (mancava solo il consigliere Iocca) inducendoli al reato di corruzione? Il PGT, dopo circa sette ore di Consiglio, è passato con i voti favorevoli della maggioranza, con due astensioni (Cortiana/Errante) e due voti contrari (Cortinovi/Rapetti). Gatta ci cova? Scava, scava, amico mio, mi hanno già assicurato che lo spettacolo sarà straordinario, mai visto a Buccinasco: questa volta non ci saranno gli elicotteri, per far prima e portarne via 16, verranno addirittura con un F35, che goduria!

Tutta la discussione si è svolta nella massima tranquillità e nel rispetto delle reciproche posizioni. Qualche accenno polemico soltanto nel caso del campo “Sinti” per la conferma di quella destinazione territoriale che a taluno è parsa in contrasto con un serio progetto di inserimento e di integrazione, sull’osservazione e controdeduzione sul caso Esselunga, non del tutto compresa nella fase di lettura ma opportunamente spiegata e specificata, e sulla non accettazione di 4 osservazioni miranti a rafforzare lo strumento territoriale con l’introduzione di un protocollo di legalità estendendo ai privati norme valide legislativamente sugli appalti pubblici. Salvo questa ultima opinione rimasta diversa, null’altro si è rivelato particolarmente distante od indigesto tanto che mi è stato facile ringraziare, non per sola cortesia, sia la maggioranza che l’opposizione per quanto fatto e per i contributi dati. Con il ringraziamento non ho tuttavia potuto comunicare il nominativo del corriere che porterà ai singoli consiglieri le valigie piene di dollari. Troppo facile scoprirle se riempite di euro! Mi sono, infatti, prima riservato di chiedere consiglio a quella lucida “mente”  su chi può essere il corriere più affidabile o se non si presti lui stesso a bordo di un vecchio calesse per meglio camuffare e giungere senza difficoltà a quella città dell’ideale cuccagna, magari trasformato nella volpe di Pinocchio.

Altri assalti all’arma bianca abbiamo avuto modo di leggere nei mesi e nei giorni scorsi su questa sgangherata giunta presentata immancabilmente come l’alfa e l’omega di ogni sconcezza.  Non è sfuggito, va dato atto in questo al nostro detrattore, che questa Amministrazione ha voluto, e continua a ribadirlo con forza e con frequenza, poggiare la propria esistenza facendo della legalità la sua bandiera. Non impressione quindi che tutta la sua attenzione si concentri sull’interpretazione di ogni mossa e di ogni rigo scritto sugli atti che vengono emanati ignorando o forse dimenticando che il Testo Unico degli Enti Locali distingue in maniera netta la funzione di indirizzo politico rispetto alla gestione. Riesce ad interpretare anche ciò che non è ancora comparso nella testa del sindaco e degli assessori, ma in particolare del sindaco. Gare d’appalto? Tutte truccate e costruite ad arte, per gli amici degli amici. Dall’igiene urbana alla civica scuola di musica non ce n’è una che si salvi.

Nulla dice il fatto che già a gennaio, nella delibera di temporaneo affidamento della Scuola di Musica, si preannunciava la gara aperta. Si dimentica volutamente, pur vantando profondo liberalismo e viscerale antistatalismo, che gli insegnanti sono e restano liberi professionisti e non dipendenti dell’ente pubblico a cui “garantire” il posto di lavoro. Ci si nasconde dietro il principio della continuità didattica fingendo che nel merito non si sia mai spesa una parola sulle rassicurazioni date (chi è quel pazzo che cambia di botto un contesto per andare verso il nulla?) e sulla garanzia che entrambi i rimasti in gara hanno dichiarato per iscritto. No, tutte balle e belle parole di un sindaco infingardo, ma che guarda caso è stato tutto confermato dal vincitore.  Non è che per caso possa aver dato fastidio il fatto che nel rapporto stabilito da gennaio scorso tutti gli insegnanti, a differenza di quanto non succedeva prima, sono stati allineati alla stessa tipologia? Si è mai indagato sui rapporti tra insegnanti non proprio idilliaci e gli uni contro gli altri armati? Tutto questo non fa testo per nostrani garantisti e giù giù fino alla definizione di fascisti e nazisti offerti con compiacenza al sindaco ed ai membri della giunta in e-mail e commenti sui diversi blog e su quel meraviglioso strumento che va sotto il nome di face book!

Che dire sulla gara dei rifiuti. Apriti cielo! Per non aprire il capitolo Buccinasco Più: peggio che andare di notte. Ovunque puzza di bruciato, anzi di coltri ormai di cenere in barba agli ignari cittadini assoggettati a sputare sangue e risorse.

Diffamazione e calunnie non ci fermeranno e non mi fermeranno. Non ci saranno querele, almeno per il momento. Neppure eccesso di indignazione. Voglio leggerle infatti come “critica” politica, come l’espressione di opinioni di dissenso perché sento di avere la coscienza a posto e di non provare alcuna vergogna guardandomi allo specchio.

C’è poi un aspetto di consapevolezza: chi farnetica accuse così pesanti, se è Cittadino cosciente di ciò che dice, ha soltanto un’arma da usare: per onestà intellettuale e per dovere civico deve rivolgersi alle autorità preposte: carabinieri, polizia, guardia di finanza, Procura della Repubblica. Diversamente diventa verosimile quel quadro di stato patologico a cui facevo riferimento ed allora, insieme al sentimento di cristiana commiserazione perché non più in condizione di intendere e volere, non potrò che rivolgere a questi soggetti l’indifferenza che meritano senza perdere ulteriore tempo. Appunto, così come Dante: non ti curar di lor ma guarda e passa!

Annunci

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: