Diamo a Buccinasco un’amministrazione finalmente efficiente e trasparente, capace di ascoltare.

Care Elettrici, cari elettori di Buccinasco,
il voto del 6 e 7 maggio scorso ha dato il suo verdetto: il 20 e il 21 dobbiamo tornare alle urne per scegliere quali dei due candidati avrà l’onore e l’onere di rivestire la funzione di Sindaco della nostra città.
Sarò io? Sarà Serena Cortinovi? La scelta è rimessa esclusivamente alla Vostra valutazione.
Mi preme in questa circostanza fare anzitutto un appello: andiamo a votare e andiamoci tutti!
L’obiettivo è assicurare alla nostra Buccinasco un governo degno di questo nome, formato da persone serie e in grado, per capacità d’innovazione e competenza, di farci dimenticare rapidamente un periodo in cui siamo finiti sulle pagine dei giornali non per le tante risorse umane e naturali disponibili sul territorio, ma per le indagini della magistratura sulle ipotesi di corruzione che hanno travolto l’Amministrazione di Centrodestra guidata da Loris Cereda, e sulla diffusione nel territorio della ’ndrangheta.
Ma non bastano serietà ed esperienza, capacità e competenza. È indispensabile che questi requisiti si accompagnino, oltre alla passione per il bene comune, a un’indubbia qualità morale, un forte impegno ad affermare i principi di legalità e le buone pratiche di governo.
Tutto il mio impegno non può che essere rivolto a questo obiettivo poiché sono il primo a essere consapevole che una ripresa della fiducia nella politica e nelle istituzioni passa dalla credibilità di chi le rappresenta. Me lo chiede la mia coscienza, me lo chiedete voi, me lo chiedono comunque sia quelli che non mi hanno votato sia quelli che mi hanno votato al primo turno. Me lo chiede paradossalmente in modo più forte chi sfiduciato da tutto e da tutti ha preferito la via dell’astensionismo.
Sarò il Sindaco di tutti e non di una parte. Non rifiuterò il confronto né il dialogo con chicchessia. Accetterò e valuterò proposte da chiunque arrivino e le farò mie se si dimostreranno valide. Di fronte alla grave situazione che affligge il nostro paese è ora di abbandonare l’approccio ideologico e impostare realisticamente soluzioni adatte e praticabili. È questa la direzione che dovrà seguire l’intera Amministrazione e di cui mi faccio garante per assicurare a Buccinasco un “ritorno alla normalità” che in fondo è la vera aspirazione di tutti noi.
C’è molto da fare e dobbiamo farlo con il massimo del coinvolgimento e della condivisione pur nel rispetto dei ruoli.
A tutti chiedo fiducia. La chiedo sulla base delle competenze e delle esperienze che in anni di impegno politico serio ho acquisito. La chiedo sulla base della stima e dell’affidabilità che mi viene riconosciuta per i tanti anni di impegno nel mondo del volontariato come della pubblica amministrazione. La chiedo sulla base della profonda conoscenza che ho di questo nostro territorio. La chiedo perché voglio bene a questa città in cui abito da trent’anni e che voglio preservare da ogni tentativo di fare prevalere interessi personali.
La chiedo sapendo che la mia avversaria, persona pur stimabile, è esterna ed estranea a Buccinasco e alla sua storia, e che la sua candidatura è maturata non tanto perché convinti delle sue qualità, quanto per il fatto che il PDL locale non aveva volti “presentabili” se non soggetti che hanno già fatto vivere alla città esperienze estremamente negative e fallimentari.
Per tutte queste ragioni, credo valga la pena di darmi fiducia certi che la Vostra fiducia non sarà tradita da chi vive e opera in questo contesto da oltre trent’anni.
Giambattista Maiorano

Commenti su: "ASSICURARE A BUCCINASCO UN GOVERNO DEGNO" (1)

I commenti sono chiusi.

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: