Diamo a Buccinasco un’amministrazione finalmente efficiente e trasparente, capace di ascoltare.

Archivio per 17 aprile 2012

Galleria

INTERVISTA A GIANNI MAIORANO, CANDIDATO DEL CENTROSINISTRA

di FRANCESCA SANTOLINI
Il Giorno, 17 aprile 2012
Espressione della volontà dei buccinaschesi che lo scorso gennaio hanno partecipato alle primarie, Gianni Maiorano è il candidato della coalizione di centrosinistra per le elezioni del prossimo 6 e 7 maggio. Classe ’47, pensionato, è sposato e padre di due figli. È a Buccinasco dal 1981.

Maiorano, qual è la caratteristica che la contraddistingue rispetto ai suoi avversari?
«Più di una. Abito a Buccinasco da oltre trent’anni. Conosco bene la città considerato il costante impegno nella vita sociale, nell’ambito ecclesiale e politico come amministratore pubblico. La mia è una storia personale che mi consente conoscere in profondità il territorio e le sue esigenze. Aggiungo che durante i cinque anni da assessore quando ha governato il centrosinistra ho maturato le competenze necessarie a garantire un buon funzionamento della macchina comunale e un adeguato utilizzo delle risorse umane. È un mix unico».

Qual è la prima cosa che farebbe se diventasse sindaco?
«Le cose da fare sono tante, alcune urgenti come il Pgt, i trasporti pubblici, Buccinasco Castello, sistemare Buccinasco più e il prato di Robarello. Le priorità le vedremo insieme con i miei alleati e con i cittadini, perché anche a loro chiederò di fare squadra. Potrà apparire marginale, ma lo sforzo più importante sarà quello di riportare Buccinasco alla normalità. Normalità per me è il recupero della fiducia tra le istituzioni del Comune e i cittadini. Mi piacerebbe che tutti si mettessero al servizio della comunità: maggioranza e opposizione in Consiglio Comunale, cittadini, associazioni e soggetti sociali.

In questo momento di crisi: quali le sue idee per dare lavoro ai giovani e aiutare lo sviluppo delle aree produttive?
«Va ripristinato lo sportello lavoro all’interno del Comune per l’incrocio tra domanda e offerta presenti sul territorio. Va recuperata la rete di rapporti con le imprese rendendo più snelli gli aspetti burocratici. Va pensato un modo per incentivare nuova occupazione anche attraverso meccanismi che prevedano la partecipazione del Comune a copertura parziale degli oneri per un periodo dato secondo le disponibilità di bilancio. Vanno promossi e curati percorsi di formazione professionale più rispondenti al mercato del lavoro».

Servizi: politiche giovanili, della terza età. Scuole e trasporti. Cosa propone?
«Credo che ciascuno sia consapevole del fatto che l’Amministrazione non potrà fare tutto da sola. Non ce la fa proprio e sarebbe improprio facesse tutto. Indispensabile quindi rapportarsi e alimentare quel principio di sussidiarietà con tutti i soggetti sociali e le agenzie educative del territorio indispensabili oggi sia per promuovere nuove e più efficaci politiche giovanili sia per farsi aiutare dall’esperienza e dalle capacità dei più anziani sempre più numerosi anche a Buccinasco. Per quanto riguarda le scuole va ultimata, con un’attenta programmazione, la messa in sicurezza dei tre plessi ancora mancanti e vanno instaurati con le autorità scolastiche rapporti di scambio fecondi. La pubblica amministrazione deve avere la consapevolezza che ogni euro speso bene nella scuola è un sicuro investimento. Per i trasporti è necessario riprendere il discorso là dove lo si è lasciato. È necessario rivedere percorsi, capolinea, orari e spingere con il Comune di Milano e l’Atm verso un’adeguata politica tariffaria. La gente non vede l’ora di risultati concreti».

Qual è il suo desiderio per Buccinasco?
«Più che desiderio, il mio vuole essere un impegno concreto: dotare finalmente Buccinasco del suo Piano di governo del territorio nei tempi più rapidi possibili.
Restituire alle frazioni la vocazione agricola a tutela del Parco Sud Milano all’insegna dello slogan «meno cemento e più salute».

Annunci

MAIORANO E IL TRASPORTO PUBBLICO

Galleria

COMUNICATO STAMPA RICORSO AL TAR CONTRO IL COMUNE DI BUCCINASCO PER L’ANNULLAMENTO DEL PIANO DI RECUPERO DI “BUCCINASCO CASTELLO

L’approvazione del Piano di Recupero di Buccinasco Castello, approvato dal Commissario Prefettizio il 5 marzo scorso, ha destato dubbi, perplessità e decisa contrarietà non solo nei proponenti le osservazioni presentate e tutte rigettate, ma anche in diversi soggetti politici del territorio oltre ad associazioni ambientaliste sia regionali che locali che negli stessi residenti il borgo rurale.

Per nulla comprensibile la fretta delle decisioni assunte sia per ragioni di metodo che di merito. A nessuno è stato concesso fare copie fotostatiche della documentazione disponibile in Comune per una più appropriata valutazione dei contenuti. Si è proceduto senza l’indispensabile parere di conformità del Parco Agricolo Sud Milano. La stessa certificazione di dismissione delle stalle risulta essere stata rilasciata con estremo ritardo rispetto alla presentazione del progetto. Non ci risulta essere stata prodotta la VAS.

Intanto l’approvazione del Piano, che comporta l’ABBATTIMENTO DELLE CASCINE E LA REALIZZAZIONE DI PALAZZINE per circa 500 nuovi abitanti, rischia, se attuata, di compromettere fortemente la naturale vocazione agricola del borgo facendo leva su un progetto celato sotto la definizione di “PIANO DI RECUPERO”.

Tutti i soggetti, citati in premessa, manifestando la loro assoluta contrarietà al progetto e ritenendo che in ogni caso il necessario ed urgente recupero del borgo non può non essere contestualizzato al  Piano di Governo del Territorio cui dovrà mettere mano la nuova Amministrazione che si insedierà dopo il voto amministrativo del 6 e 7 maggio prossimo, con l’ampia disponibilità di Legambiente regionale, hanno dato mandato ad un avvocato perché proceda alla presentazione al TAR (Tribunale Amministrativo Regionale) di apposito ricorso entro i termini prescrittivi di 60 giorni dalla data di approvazione della delibera commissariale.

Tutti i firmatari sono certi con l’occasione di rappresentare la stragrande maggioranza dei cittadini di Buccinasco favorevoli alla tutela ed alla valorizzazione del Parco Agricolo Sud Milano ed intenzionati a respingere qualsiasi tentazione di speculazione edilizia.

Legambiente  LombardiaAmici di BuccinascoCiceri Carlo Lucio Casali PrimoTurati Alessio –  Brazzeschi Bruno

Tag Cloud